Chiuse il pronto soccorso, indagati cinque medici a Noto

Sicilia
Foto di Archivio (ANSA)

Sono accusati in concorso di falsità ideologica, truffa ai danni dello Stato e interruzione di pubblico servizio: si sarebbero refertati a vicenda dei falsi incidenti sul lavoro

Cinque avvisi di conclusione indagine sono stati notificati dalla guardia di finanza a cinque medici dell'ospedale Trigona di Noto, in provincia di Siracusa, accusati in concorso di falsità ideologica, truffa ai danni dello Stato e interruzione di pubblico servizio.

L'attività investigativa

Le indagini hanno riguardato le assenze di personale medico che hanno determinato la scorsa estate la chiusura del pronto soccorso. Secondo le Fiamme Gialle, i medici si sarebbero refertati a vicenda dei falsi incidenti sul lavoro, dichiarandosi tutti inabili al servizio e costringendo l'Azienda sanitaria provinciale a chiudere il pronto soccorso per l'assenza del numero minimo di medici disponibili all'impiego.

I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24