Migranti, arrivata in porto a Licata la "nave madre" sequestrata

Sicilia
Foto di Archivio

I sette membri dell'equipaggio sono stati fermati per favoreggiamento dell'immigrazione clandestina

Il peschereccio intercettato dalla guardia di finanza al largo di Lampedusa, che trasportava un gruppo di 81 migranti trasbordati su un barchino e poi sbarcati sull'isola delle Pelagie, è arrivato nel porto di Licata, in provincia di Agrigento. I sette membri dell'equipaggio, sei di nazionalità egiziana e un tunisino, sono stati fermati per favoreggiamento dell'immigrazione clandestina. La "nave madre" è stata scortata in porto dalle motovedette del Reparto operativo aeronavale delle Fiamme Gialle.

L'attività investigativa

L'indagine condotta dalla Procura di Agrigento, che ha portato al fermo di nove persone accusate di traffico di uomini, nasce da un'operazione del dispositivo interforze dell'Agenzia Europea Frontex, della Guardia di Finanza, delle Capitanerie di Porto e della missione EUNAVFORMED.

I più letti