Palermo, svolta nel delitto della parruccaia: indagato un metronotte

Sicilia

La vittima dell'omicidio, avvenuto nel 2012, era Antonietta Giarrusso, detta 'Ninni', uccisa nel suo negozio di via Dante. A fare il nome della guardia giurata, poi sottoposta al prelievo del Dna, è stato un commerciante della zona

Svolta nel delitto di Antonietta 'Ninni' Giarrusso, la parruccaia uccisa a coltellate e forbiciate nel suo negozio di via Dante, a Palermo, il 30 aprile 2012. Un metronotte è stato iscritto nel registro degli indagati. 

A fare il nome del metronotte è stato un commerciante

Secondo quanto riporta La Repubblica Palermo, a fare il nome della guardia giurata, a cui poi è stato prelevato il Dna, è stato un commerciante della zona. Secondo la ricostruzione del testimone, il metronotte avrebbe bussato alla porta del negozio della Giarrusso, senza ricevere risposta, e avrebbe chiesto in giro dove si trovasse la donna. 

Indagini in corso

Le indagini della squadra mobile sono coordinate dal Procuratore Aggiunto Ennio Petrigni, e dal sostituto Renza Cescon. In questi giorni sono stati ascoltati di nuovo commercianti, conoscenti e clienti della vittima. Alcuni di loro sono stati sottoposti al test del Dna. Durante il sopralluogo, la Scientifica trovò cinque macchie di sangue sulla tenda verde che fungeva da divisorio tra la zona della vendita e lo spazio in cui i clienti provavano le parrucche. 

I più letti