In carcere per omicidio: esce in attesa di revisione del processo

Sicilia
Foto di archivio (Fotogramma)
Agenzia_Fotogramma_giustizia2

Doveva scontare l'ergastolo per l'omicidio di Pietro Michele Licari, i giudici hanno disposto la revisione del processo ed ora, dopo 12 anni, Vincenzo Bommarito è uscito dal carcere

Dopo quasi 12 anni, esce dal carcere Vincenzo Bommarito. L'uomo, era stato condannato all'ergastolo per l'omicidio di Pietro Michele Licari, 68 anni, avvenuto nel 2007. La decisione è stata presa venerdì 18 gennaio dal collegio della Corte d'appello di Caltanissetta, presieduto da Maria Carmela Giannazzo. Bommarito esce dal carcere in attesa della revisione del processo. L'uomo ha l'obbligo di dimora nel comune di Borgetto, nel Palermitano. Lo scrive il Giornale di Sicilia. Licari, avvocato e imprenditore agricolo, era tornato in Sicilia dopo essere vissuto a lungo a Roma; scomparso il 13 gennaio 2007, fu ritrovato in un pozzo nelle campagne tra San Cipirello e San Giuseppe Jato il 14 febbraio. In quel lasso di tempo i suoi rapitori hanno chiesto ai familiari un riscatto di 300 mila euro. Dopo l'arresto di Giuseppe Lo Biondo, l'uomo che fece ritrovare il cadavere, lo stesso Lo Biondo indicò in Bommarito l'organizzatore e il co-esecutore del rapimento. L'avvocato di Bommarito, Cinzia Pecoraro, aveva raccolto elementi per confutare la tesi di Lo Biondo. La procura generale aveva avocato l'inchiesta bis e ieri è arrivata la decisione dei giudici. 

I più letti