Maltrattamenti in ospizio a Catania, slitta processo a prete 87enne

Sicilia
Foto di Archivio

Le parti offese nel procedimento sono 62. Imputati con padre Minio sono anche Vincenzo Greco, di 37 anni, Vincenzo Lembo, di 38, Renato Minio, di 43, e Rita Riolo, di 49 

Un impedimento procedurale ha fatto rinviare, per la seconda volta, al 16 settembre del 2019 la prima udienza del processo a Catania per maltrattamento e abbandono di incapaci del sacerdote Luigi Minio, di 87 anni, presidente della fondazione "Istituto San Vincenzo de' Paoli - Padre Marcantonio", noto come "Ospizio dei vecchi di Bronte", e di quattro dipendenti. La struttura, che ospita anziani, è un ente ecclesiastico.

Le accuse

Le parti offese nel procedimento sono 62. Imputati con padre Minio sono anche Vincenzo Greco, di 37 anni, Vincenzo Lembo, di 38, Renato Minio, di 43, e Rita Riolo, di 49. L'inchiesta è stata coordinata dal procuratore Carmelo Zuccaro e dal sostituto Rosaria Molè. I cinque sono accusati dalla Procura di "maltrattamenti agli anziani ospiti della casa di riposo, rendendo la loro vita particolarmente penosa e dolorosa aggredendoli verbalmente con ingiurie e minacce, non assicurando loro adeguati e sufficienti pasti". Due degli indagati avrebbero anche "costretto dei disabili a consumare i pasti in una stanzetta ripostiglio" e usando nei confronti di quattro ospiti "violenza fisica consistita in spintoni schiaffi e pugni". La procura contesta anche "condizioni minime di assistenza agli anziani, condizioni igieniche insufficienti e personale qualificato per l'assistenza, come la presenza di un solo operatore per 61 ospiti la notte". Al sacerdote è contestata anche "l'omessa comunicazione all'autorità di Ps dall'ingresso nella struttura delle generalità complete delle persone alloggiate".

I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24