Furto apparati e miccia incendiaria alla Motorizzazione di Catania

Sicilia
Foto Archivio (ANSA)
polizia_ansa

Ignoti hanno portato via alcune apparecchiature utilizzate per le revisioni dei veicoli e appiccato il fuoco a una corda. Indaga la polizia 

La notte scorsa ignoti hanno sfondato le porte con delle mazze e portato via alcune apparecchiature utilizzate per le revisioni dei veicoli da un deposito della Motorizzazione civile di Pantano d’Arci a Catania e hanno anche appiccato il fuoco a una corda, trovata bruciata, imbevuta di liquido infiammabile e collegata a un computer. Sull’episodio sta indagando la polizia. “Piena solidarietà ai dipendenti della Motorizzazione di Catania per il grave episodio”, le parole dell’assessore regionale alle Infrastrutture, Marco Falcone. Poi: “Il governo regionale è vicino all’ufficio provinciale, front office per migliaia di utenti ed erogatore di servizi essenziali, ben sapendo che nessuna pressione o forzatura di alcun genere potrà impedirci di tenere sempre alto il principio di legalità. L’accaduto è preoccupante e confidiamo nelle forze dell’ordine per fare luce sulla vicenda”.

"Siamo costernati di fronte a ciò che è accaduto ed esprimiamo tutta la solidarietaà ai colleghi che lavorano all'interno del sito e che subito si sono dati da fare sfidando il pericolo per evitare maggiori danni alla struttura", le dichiarazioni di del segretario generale territoriale della Ugl catanese, Giovanni Musumeci. 

I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24