Ddl Zan, De Luca: "Così com’è non lo avrei votato"

Campania

Il presidente della regione Campania ha affermato che "si deve correggere almeno la parte che riguarda le scuole. Ma davvero pensate che sia ragionevole che alle elementari facciamo la giornata di riflessione sull'omotransfobia? Ma andate al diavolo"

"Io il Ddl Zan così com'è non lo avrei votato". Lo ha detto Vincenzo De Luca, presidente della regione Campania, alla Festa dell'Unità di Bologna, esprimendosi sul Ddl Zan (I DIECI ARTICOLI) contro l'omotransfobia. "Certo che dobbiamo difendere i diritti - ha aggiunto -, ma non è immaginabile che su questioni con contenuti morali, che vanno al di là della politica, noi ideologizziamo i problemi".

"Giornata di riflessione sull'omotransfobia alle elementari? Ma andate al diavolo"

vedi anche

Ddl Zan, cosa prevede: il testo integrale

Il presidente ha spiegato che il Ddl Zan non lo avrebbe votato "perchè si deve correggere almeno la parte che riguarda le scuole. Ma davvero pensate che sia ragionevole che alle elementari facciamo la giornata di riflessione sull'omotransfobia? Ma andate al diavolo". De Luca ha anche parlato del botta e risposta tra il Governo e il Cardinale Parolin sul ddl Zan: "Io credo - ha spiegato De Luca - che abbiamo sbagliato a rispondere al Cardinale Parolin come abbiamo risposto. Il Cardinale Parolin è una personalità rilevante del mondo cattolico. Nel mondo cattolico c'è uno scontro in atto tra forze conservatrici e mondo progressista, noi abbiamo risposto al Cardinale in termini volgari e politicamente insopportabili. I Patti Lateranensi? Ma che diavolo centrano? Il segretario di Stato non può esprimere la propria opinione, ma stiamo scherzando?"

Napoli: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24