Covid, in Campania registrati 1.334 contagi su 9.934 tamponi

Campania
©Getty

Il tasso di incidenza è pari al 13,42%. I posti letto occupati in terapia intensiva sono 150 mentre mentre quelli in degenza sono 1.536

Il nuovo LIVE con tutti gli aggiornamenti di oggi in Campania

 

Sono 1.334, nelle ultime 24 ore, i positivi al Covid-19 in Campania su 9.934 tamponi molecolari esaminati. Secondo i dati dell'Unità di crisi della Regione Campania sono 523 i sintomatici, il tasso di incidenza è pari al 13,42%. I decessi sono 35 mentre 1.519 sono le persone guarite. In merito alla situazione degli ospedali, i posti letto occupati in terapia intensiva sono 150 mentre mentre quelli in degenza sono 1.536. 

Una maestra e sette bambini di una scuola elementare di Somma Vesuviana, sono risultati positivi al Covid e il sindaco ha disposto la chiusura del circolo didattico, facendo tornare i bambini in didattica a distanza. (TUTTI GLI AGGIORNAMENTI - MAPPE E GRAFICI DEI CONTAGI)

19:42 – Vaccini, inaugurato l'hub a Somma Vesuviana

"Grazie per il cuore che mettete in queste mani!!". È la frase del vescovo di Nola (Napoli), monsignor Francesco Marino, rivolta ai vaccinandi ed agli operatori sanitari, messa all'ingresso del polo vaccinale aperto oggi a Somma Vesuviana nei locali messi a disposizione dalla Caritas. "Questo centro è il secondo che la Curia mette a disposizione del territorio - ha spiegato il vicedirettore della Caritas diocesana di Nola, Raffaele Cerciello - il primo sorge nel seminario di Nola, e altro non è che il pragmatizzare del nostro stare nella storia con amore. Come Chiesa ci sentiamo di abitare realmente questo momento di grande fragilità non solo sanitaria ma anche sociale mettendo le risorse che abbiamo a disposizione dei territori. Esprimo gratitudine al nostro Vescovo, Marino, che ci ha subito sostenuto affinché questo processo andasse in porto". Il polo fino al 2 maggio sarà operativo sei ore al giorno, per poi passare a 12 ore. Il ritmo attuale, ha spiegato il sindaco Salvatore Di Sarno, "è di una vaccinazione ogni 8 minuti". "E' un momento importante per la nostra città e per tutto il territorio - ha aggiunto il sindaco - Siamo dinanzi ad un risultato che abbiamo voluto con forza ed è figlio di un'interlocuzione con l'Asl e con la Curia Vescovile di Nola per ben tre mesi. Un lavoro lungo e costante nella fase di preparazione ed oggi, finalmente iniziamo".

18:17 - Ancora in calo i positivi nel Casertano

Continuano a calare i positivi attuali nel Casertano: ad oggi, certifica il report giornaliero dell'Asl di Caserta, sono 6809, ovvero 40 in meno di ieri, e ciò grazie al dato dei guariti giornalieri, 187, che ha superato quello dei nuovi contagi, che sono 155. Il tasso di positività, con 1525 tamponi processati nelle ultime 24 ore, è sempre oltre la doppia cifra percentuale (10,16%). Otto le vittime registrate, per un totale di 1061 persone decedute da inizio pandemia (marzo 2020). Intanto si susseguono nel Casertano le chiusure a macchia di leopardo di singole scuole, con ritorno alla Dad, per casi di positività tra studenti o nel personale scolastico: è accaduto ad Alvignano, San Prisco, Gioia Sannitica, Santa Maria a Vico, mentre oggi hanno ripreso in parte le scuole superiori, e non si segnalano criticità.

17:41 - Maestra e 7 bimbi positivi, sindaco chiude circolo a Somma Vesuviana

Una maestra e sette bambini di una scuola elementare di Somma Vesuviana (Napoli), sono risultati positivi al Covid, ed il sindaco Salvatore Di Sarno, ha disposto la chiusura del circolo didattico facendo tornare i bambini in didattica a distanza. Sono sette le classi in isolamento fiduciario, per un totale di 113 bambini e 21 insegnanti. La decisione, spiega il sindaco, è stata presa alla luce della comunicazione della dirigente scolastica che ha segnalato "una continua crescita di casi". "Ho deciso di chiudere immediatamente tutti i plessi del Primo Circolo Didattico "Arfè" dove si sono registrati questi casi - ha detto il sindaco - Come è possibile vedere questo virus non guarda alle fasce di età e possiamo uscirne solo con la vaccinazione. Il mio appello alla popolazione è quello di non scambiare la zona Arancione per zona Bianca. Siamo dinanzi ad un momento importante, vedo alcune scene spiacevoli anche dinanzi ai bar. Siamo in emergenza sanitaria, è in corso una pandemia e dunque rispettiamo tutti le regole”.

16:01 - In Campania 1334 positivi nelle ultime 24 ore

Sono 1334, nelle ultime 24 ore, i positivi al Covid in Campania su 9.934 tamponi molecolari esaminati. Secondo i dati dell'Unità di crisi della Regione Campania sono 523 i sintomatici e, come accade dopo il fine settimana, quando diminuisce il numero dei tamponi molecolari effettuati, aumenta il tasso di incidenza. Se, infatti ieri era pari al 9,69%, oggi è pari al 13,42%. Trentacinque sono i decessi ; - 29 deceduti nelle ultime 48 ore, 6 deceduti in precedenza ma registrati ieri - mentre 1.519 sono le persone guarite. In merito alla situazione degli ospedali, aumentano leggermente i posti letto occupati in terapia intensiva, oggi 150 mentre ieri erano 146, così come aumentano quelli in degenza, oggi 1536 mentre ieri era 1529.

15:53 – A Napoli negozi aperti, ma pochi clienti

Vetrine illuminate, ma pochi clienti nei negozi in una Napoli che si è svegliata in zona arancione dopo sei settimane di 'rosso', ma in una giornata di primavera tra pioggia e freddo. "Abbiamo aperto due ore fa, sono entrate un paio di persone, ma non possiamo che essere fiduciosi", spiega Alessandro beato, giovane imprenditore che ha un negozio di abbigliamento multimarche nella Galleria Umberto, a Napoli. "Abbiamo fatto - spiega - un ordine di merce di dimensioni normale per questa primavera-estate, perché gli ordini si fanno un anno prima. Ora però abbiamo la netta sensazione che chi ha guadagnato in quest'anno ha una forte tendenza al risparmio, per il prossimo anno abbasseremo gli ordini". Molte le saracinesche abbassate a Napoli, con le associazioni di categoria che parlano di chiusure di attività di negozi in Campania di almeno 5-7.000.

15:23 - De Magistris: “Utilizzare gli spazi aperti”

"La situazione sanitaria in Calabria è molto grave. Qui la situazione è molto seria perché c'è una pressione davvero forte sugli ospedali, sulle terapie intensive. E' vero che c'è un aumento dei contagi, ma la situazione critica è dovuta soprattutto per lo stato di smantellamento dei presidi territoriali di salute pubblica nel corso di questi anni. Adesso si sta avvertendo in tutta la sua criticità". E' quanto ha affermato Luigi de Magistris, candidato alla presidenza della Regione Calabria, a margine della visita fatta al sindaco di Civita Alessandro Tocci. "Ritengo, e mi fa piacere che il governo stia finalmente cogliendo questo aspetto perché un anno fa io feci, da sindaco di Napoli, molte ordinanze e mi furono anche impugnate e poi il Tar mi ha dato ragione - ha aggiunto -, che dobbiamo passare all'utilizzo molto massivo degli spazi all'aperto. In questo momento, dove la campagna di vaccinazione è cominciata a entrare un po' più nel vivo, che i contagi si sono in qualche modo stabilizzati, i luoghi chiusi sono meno sicuri. Visto che noi al Sud abbiamo una temperatura mite, bisogna utilizzare quanto più è possibile i luoghi all'aperto, non solo per camminare, fare attività sportive, stare insieme ai propri affetti, sempre nel rispetto di tutte le precauzioni, ma anche per le attività economiche. All'aperto si possono fare ristorazione, attività commerciale, attività artigianali, si può utilizzare suolo pubblico ed è anche un modo per recuperare un rapporto tra il territorio e le persone. Finalmente mi sembra che si sta andando in questa direzione che non significa liberalizzazione di tutti e di tutto, non significa non stare attenti, ma significa anche ricominciare al sicuro, per quanto è possibile, una vita all'aperto e rimettere in moto le attività economiche che stanno soffrendo". "Non c'è solo la pandemia sanitaria - ha concluso de Magistris - ma ci sono anche la pandemia sociale, economica, lavorativa e, oramai, anche pandemia psicologica".

14:48 - Vaccini, in Campania somministrate 1.301.087 dosi

Ad oggi in Campania, secondo i dati dell'Unità di crisi della Regione, sono state 1.301.087 le dosi di vaccino somministrate. Complessivamente sono stati vaccinati con la prima dose 942.867 cittadini. Di questi 358.220 hanno ricevuto la seconda dose. La piattaforma per le adesioni è regolarmente aperta per tutte le categorie previste.

14:01 – Vaccini, Nappi: “Asl Na 1 attivi vaccinazione a domicilio”

"È vergognoso che oltre 10mila over 80 napoletani non si siano potuti registrare sulla piattaforma digitale regionale e di conseguenza siano ancora oggi esclusi dalla campagna vaccinale. Ho già depositato un'interrogazione per chiedere l'immediata attivazione del sistema di vaccinazione domiciliare per questi nostri anziani. E attendo ancora risposta sulla delicata questione delle residenze per anziani partenopee per le quali, nonostante focolai di infezione e ritardi enormi nelle vaccinazioni, manca persino un puntuale monitoraggio della situazione. È tempo che De Luca, invece di profondere le sue energie nelle sue eterne battaglie contro tutto e tutti, si impegni per efficientare l'incerta macchina sanitaria regionale. Nessun cittadino di Napoli e della Campania può restare invisibile".Lo annuncia Severino Nappi, consigliere regionale e coordinatore della Lega a Napoli.

13:40 – Il sindaco di Pozzuoli riapre i parchi

Il sindaco di Pozzuoli, Vincenzo Figliolia, con propria ordinanza ha disposto la riapertura dei parcheggi Multipiano, Molo Caligoliano e Mercato Ittico all'ingrosso. Le tre aree di sosta chiuderanno tutti i giorni, inclusi i festivi e i prefestivi, alle ore 21,30. Riattivato, dalle 7 alle 20, anche il parcheggio del Parco Urbano di via Vecchia delle Vigne, solitamente ad utilizzo dei bus scolastici e turistici. Da domani, martedì, riapriranno i cancelli anche i parchi pubblici, Villa Avellino ed oasi Monte Nuovo e la pista ciclabile di Monterusciello. Ai cittadini si raccomanda di attenersi scrupolosamente alle indicazioni fornite da governo, Regione Campania e comune circa le misure comportamentali necessarie al contenimento del contagio da covid-19. Dalla scorsa settimana anche il lungomare Pertini sul litorale di via Napoli è tornato fruibile al pubblico. Le chiusure erano state attivate ancor prima che la Campania venisse classificata 'zona rossa' per tentare di contrastare i numerosi contagi che si registravano nell'area flegrea.

11:40 - A Benevento da oggi a sabato Dad per le superiori

Stop della didattica in presenza da oggi fino a sabato prossimo per le scuole superiori della città di Benevento a causa del Covid. La decisone è del sindaco di Benevento Clemente Mastella che così motiva l'ordinanza: "Dopo aver sentito le autorità sanitarie ed aver rilevato una incidenza di contagi del 11,17% a fronte di una media regionale del 10,57%, quasi zona rossa, avvalendomi delle mie prerogative, ho preso questa decisione. Al solito, ci sarà chi concorderà e chi farà polemiche. Ho deciso secondo scienza e coscienza e per il bene della mia comunità".

11:22 - Vaccini: Fimmg Napoli, negli studi medici 27mila somministrazioni

Ad oggi presso i medici di famiglia di Napoli sono state somministrate 27mila dosi di vaccino anti covid, ma dei 200 medici che hanno dato la disponibilità a vaccinare presso gli studi, 50 sono ancora in attesa di ricevere i vaccini. A riferire dati e situazione è la Fimmg Napoli. "Nel momento in cui dovesse arrivare un numrro congruo di vaccini - dice Luigi Sparano, segretario provinciale Fimmg Napoli - è facile comprendere quale apporto possa arrivare dalla medicina di famiglia". E secondo quanti riportato, presso gli studi de Medici di famiglia si riducono anche i numeri della 'fuga' da AstraZeneca. "I grandi hub vaccinali non tengono in debita considerazione lo stato di salute dei pazienti anziani o con cronicità al momento della chiamata - dice Sparano - ecco perché la vera svolta sta arrivando grazie alla medicina generale. Quando la vaccinazione viene proposta ai cittadini dai medici di famiglia - prosegue - i rifiuti di questo o quel vaccino sono pochissimi, anche il timore su Astra Zeneca diventa insignificante, basti pensare che delle nostre somministrazioni il 90 per cento circa dei pazienti eleggibili ad AstraZeneca ha accettato la vaccinazione senza obiezioni". Secondo Sparano "questo avviene perché per un medico di famiglia è molto più semplice procedere ad una giusta valutazione dei pazienti che segue nel corso di una vita e i cittadini hanno già una fiducia consolidata nella persona che sta per vaccinarli". Dello stesso avviso anche Corrado Calamaro, Fimmg Napoli, per il quale "la vaccinazione negli studi dei medici di famiglia cancella ogni tipo timore e non crea il problema dei "furbetti" o presunti tali". 

11:20 - Scuola: a Castellammare di Stabia rientro domani per le superiori

Folla davanti alle scuole secondarie e primarie di Castellammare di Stabia (Napoli). I genitori questa mattina hanno accompagnato i figli a scuola, affollando gli ingressi. Ma gli studenti degli istituti superiori oggi continuano in Dad. I dirigenti scolastici hanno reputato di dover accogliere i giovani in aule sanificate. Domani entrera' il 50 % della platea scolastica, in doppio turno d'ingresso ed in varchi separati, per ridurre al massimo gli assembramenti davanti ai cancelli. Ad ogni varco le scuole si sono dotate di rilevatori facciali per controllare la temperatura corporea e l' adozione corretta delle mascherine. Distributori di gel igienizzanti sono stati installati agli ingressi, nei corridoi e davanti alle porte di ogni aula. Poi, ci saranno bidelli e volontari a regolare l'affluenza e il distanziamento. ''L'ordinanza per la riapertura degli istituti superiori è arrivata solo sabato, non avevamo tempo per sanificare i locali prima di oggi, ecco perché la riapertura è stata rinviata a domani - dice la vicepreside del liceo 'Severi', Anna Parmendola - Ma le lezioni non sono sospese e i ragazzi non sono stati abbandonati. In questo momento si sta facendo regolare lezione in Dad''. Intanto, si attende divedere se gli studenti dello ''Sturzo-Vitruvio'' attueranno lo sciopero, com'era stato preannunciato nelle scorse ore, per contestare la disorganizzazione con cui sono stati riaperti gli istituti superiori e per i problemi dei trasporti. In molti avrebbero voluto chiudere l'anno con l'ultimo mese di Dad, per evitare il rischio di portare a casa un contagio da Covid-19. 

10:11 - Festa di compleanno con 40 invitati, chiuso ristorante 

Stavano festeggiando il cinquantesimo compleanno con 40 invitati malgrado i divieti legati al contenimento del contagio: è successo in un ristorante di Marano di Napoli dove i carabinieri sono arrivati, ieri sera, dopo una segnalazione. I militari hanno interrotto la festa e sanzionato le persone presenti: l'attività è stata chiusa per cinque giorni. Sanzionato anche il titolare del locale.

9:47 - In gruppo al barbecue nel bosco, sanzionati a Ischia 

Avevano allestito una grigliata nel bosco dopo una festa di compleanno in violazione delle normative anti Covid e per questo 12 persone sono state sanzionate a Ischia dai carabinieri. I militari hanno sorpreso nella zona del bosco della Maddalena, nel comune di Casamicciola, il gruppo composto da 12 adulti e diversi figli minori che avevano attrezzato un piccolo barbecue in un'area pubblica della zona boschiva isolana, contravvenendo alle normative anti contagio in vigore: tutti gli adulti sono stati sanzionati, in pochi indossavano la mascherina e non erano state rispettate più basilari regole di buon senso. 

9:03 - Scuola a Napoli, rientro in classe con preoccupazione

Rientro in classe con preoccupazione per gli studenti della scuola secondaria a Napoli, nonostante le misure adottate dai dirigenti scolastici, con turnazioni e distanziamento in entrata ed in uscita. Al liceo "Sannazaro", nel quartiere Vomero (53 classi, 1300 studenti), i pareri sono unanimi. Preoccupati per possibili contagi ? "Certo" - rispondono tre ragazze di II° - oggi saremo presenti al 50% , ma se ci saremo tutti , ci saranno rischi". "In 3° N , oggi saremo solo in tre", dice Giulia" . Un segnale chiaro, che si unisce al rimpianto generale per la didattica a distanza. Ma mesi di lezioni in dad valgono le lezioni in aula? "Si - risponde Francesco, del biennio - l' unico problema è la qualità della connessione Internet. Se il docente è in classe, e noi tutti a casa, non funziona bene". Anche lui è preoccupato per il rientro. "Se arriveremo ad un rientro al 100%", ci saranno problemi". Al "Sannazaro " per ingressi ed uscite che dovrebbero avvenire, precisa una circolare-"in fila indiana" - sono in funzione sette varchi. Al liceo scientifico "Severi", di Castellammare di Stabia (Napoli) rientro rinviato a domani. Oggi la scuola viene sanificata e dotata di distributori di gel disinfettante e rilevatori di temperatura. Si entrerà da sei diversi varchi.

7:27 - In Campania 1.700 casi su oltre 17mila tamponi

Sono 1.700 i nuovi positivi al Covid in Campania, di cui 620 sintomatici, su 17.541 test molecolari esaminati: il tasso di incidenza (calcolato solo su questi ultimi) risulta del 9,69%. Nel bollettino dell'Unità di crisi anche 18 nuove vittime e 1.511 guariti. Sostanzialmente stabile la situazione degli ospedali, con 146 posti occupati in terapia intensiva (+1) e 1.529 in degenza ordinaria (-3).

Napoli: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24

Fai login per ottenere il meglio subito

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.