Covid, in Campania scattata la zona rossa. In 24 ore 3.771 positivi

Campania
©Ansa

L'ordinanza firmata dal ministro della Salute, Roberto Speranza, sarà valida per due settimane e prevede una serie di misure, regole e restrizioni. In regione 3.771 nuovi contagi su 24.948 tamponi

Il nuovo LIVE con tutti gli aggiornamenti di oggi in Campania

 

Scatta la zona rossa per la Campania. Nuova stretta per contrastare la seconda ondata della pandemia di Coronavirus.

Intanto, Luigi de Magistris: "Siamo seduti non sotto un vulcano. ma sopra. La città è una polveriera e temo che a Roma non ne siano consapevoli".

Si sono registrati 3.771 contagi in Campania. (TUTTI GLI AGGIORNAMENTI - MAPPE E GRAFICI DEI CONTAGI)

19:37 - Napoli, dalla settimana prossima in arrivo 200 bombole di ossigeno

Dalla settimana prossima le ditte distributrici di ossigeno si sono impegnate a reperire altre bombole - circa 200 - per soddisfare le richieste a Napoli in questo periodo di emergenza. Lo apprende l'ANSA da fonti della Federfarma Napoli. L'organizzazione rivolge un appello a quanti hanno contenitori vuoti in casa: "Se ci sono difficoltà a restituire la bombola possiamo essere contattati con una mail -info@federfarmanapoli.it - o su Facebook e noi provvediamo a mettere in collegamento l'utente con la farmacia per contribuire a risolvere il problema". Permane in città e nella sua provincia una situazione molto pesante per la carenza di bombole.

19:26 - A Salerno strade deserte e lungomare sbarrato

A Salerno il primo giorno di zona rossa è trascorso senza particolari criticità. I salernitani hanno rispettato con rigore le nuove norme applicate dal Governo per provare a contenere l'ondata di contagi. Per l'intera giornata le strade del capoluogo di provincia sono rimaste quasi totalmente deserte e le poche persone che si sono intraviste erano in compagnia del proprio cane o con buste della spesa tra le mani. Il lungomare, che era già stato chiuso dal sindaco, è rimasto sbarrato con i militari dell'Esercito a presidiarlo. In serata tra le strade del centro è tornata a circolare anche l'auto della Protezione Civile che ha ricordato ai salernitani le regole da seguire.

19:13 - A Pozzuoli cimitero chiuso fino al 25 novembre

Il sindaco di Pozzuoli (Napoli) Vincenzo Figliolia ha disposto, in via precauzionale per l'emergenza covid, la chiusura del cimitero comunale da domani, lunedì 16 novembre, a mercoledì 25 novembre. L'accesso all'area cimiteriale di via Luciano sarà consentito unicamente per la fruizione del servizio essenziale rappresentato, si legge in una nota, "Qdalla inumazione di salma o deposito di urna cineraria (e connessi adempimenti amministrativi)”.

19:12 - Nell’area flegrea primo giorno di zona rossa senza intoppi

La prima giornata di 'zona rossa' nell'area flegrea si è svolta nel rispetto del provvedimento emanato dal governo. Le aree critiche dei quattro comuni flegrei sono state presidiate costantemente dalle forze di polizia con la 'polizia municipale' che ha disposto posti di blocco sul perimetro di tutto il territorio. Interdetti il lungomare e le spiagge a Pozzuoli, Bacoli e Monte di Procida ed i parchi pubblici in tutti e quattro comuni, si è notata pochissima gente in strada. Il movimento maggiore si è registrato fino alla tarda mattinata con un discreto numero di persone che si è recato nei luoghi di culto per seguire le funzioni religiose della domenica. Per il resto gli esercizi pubblici aperti hanno operato nel rispetto delle norme. Un ristretto numero di persone ha svolto attività fisica nei pressi della propria abitazione, con le forze di polizia a vigilare e a controllare il rispetto delle misure restrittive.

18:36 - I positivi nel Casertano superano quota 15mila

Supera quota quindicimila il numero di persone attualmente positive al Covid nel Casertano, oltre ventimila da inizio pandemia (20650). Oggi - certifica il report giornaliero dell'Asl di Caserta - si sono registrati 978 i nuovi contagi, con zero guariti, mentre ieri si era toccato il record di persone - ben 848 - che si erano lasciate alle spalle il Coronavirus. Sono stati effettuati inoltre 3661 tamponi, con una percentuale di test risultati positivi pari a circa il 27%, quasi simile alle ultime 24 ore ma in risalita rispetto agli ultimi giorni. Cinque le persone decedute, per un totale da inizio pandemia di 165 morti causa Covid (i deceduti risiedevano nei comuni di Casagiove, Caserta, Frignano, Recale, San Prisco). Il capoluogo Caserta detiene ora il primato dei positivi, sono 1137 (67 in più di ieri), mentre Aversa, che per giorni ha fatto registrare numeri da record, dopo le decine di guariti fatte registrare ieri, è oggi a quota 1109 (76 nuovi contagiati). Corre il contagio anche a Marcianise, comune zona rossa per due settimane a cavallo tra fine ottobre e inizio novembre, quando la situazione sembrava essere stabilizzata: sono 735 le persone attualmente positive (25 in più di ieri). Intanto la prima giornata di lockdown, essendo anche domenica, è trascorsa senza problemi per le forze dell'ordine, che hanno pattugliato il territorio a caccia di trasgressori coadiuvati anche da pattuglie dell'Esercito. Intanto ad Aversa un bed&breakfast ha deciso di offrire ospitalità gratuita ai medici e infermieri dell'ospedale Moscati.

17:39 - A Somma Vesuviana due decessi in 24 ore

Due decessi di persone positive al Covid in meno di 24 ore a Somma Vesuviana (Napoli), dove ieri sera è morto un 79enne, ed oggi una donna di 51 anni, che portano a cinque il numero dei deceduti nella seconda fase della pandemia nella cittadina alle falde del Vesuvio. L'uomo di 79 anni deceduto ieri, era stato anche assistito nei giorni scorsi dal servizio ambulanza istituito dall'amministrazione locale con fondi comunali per i soli cittadini di Somma Vesuviana affetti da covid. "Abbiamo registrato nove morti da inizio pandemia - ha detto il sindaco Salvatore Di Sarno - oggi contiamo anche 778 positivi attivi in paese". Oggi è stata effettuata la sanificazione di tutte le strade cittadine, ed il sindaco, nei giorni scorsi, ha anche sospeso le lezioni in presenza per le scuole di ogni ordine e grado fino al 29 novembre.

17:00 - In Campania 3.771 nuovi casi su 24.948 tamponi

Tornano a salire in Campania i positivi (3.771 rispetto ai 3.351 precedenti) ma anche i tamponi, 24.948 rispetto ai 20.662 precedenti. Gli asintomatici sono 3.214, i sintomatici 557. I deceduti, tra il 30 ottobre ed il 14 novembre, sono 35. I guariti del giorno sono 725. Questi i dati del bollettino dell'Unità di Crisi regionale. Il report dei posti letto su base regionale indica in 656 quelli di terapia intensiva disponibili (194 occupati), in 3.160 (covid e offerta privata) i posti letto di degenza disponibili: (occupati 2.224;).

15:34 - Napoli, morto il consigliere Francesco Ruotolo

"Il covid ha ucciso anche il compagno Francesco Ruotolo - scrive il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris -, consigliere della Terza Municipalità, uomo della resistenza, antifascista, amante di Napoli, sempre in prima linea nella lotta per i diritti. Francesco caro, ti abbiamo voluto bene, io tanto. Ci mancheranno le tue lotte, la tua ansia di giustizia. Ai familiari il cordoglio mio personale e della città di Napoli".

14:59 - A Napoli ieri sera affollamenti e multe

Alla vigilia della zona rossa la serata di ieri a Napoli, dopo una giornata tranquilla, è stata caratterizzata da affollamenti nelle zone della movida e qualche tensione con una rissa sfiorata nell'area pedonale di Via Scarlatti, nel quartiere Vomero, dove una 35enne è stata denunciata in stato di libertà dalla Polizia Municipale perché sputava sui passanti. Una giornata intensa quella di ieri durante la quale i vigili urbani hanno sanzionato, come fa sapere il comandante, generale Ciro Esposito, 14 persone perché circolavano in città dopo le 22 senza un giustificato motivo mentre altre cinque sono state multate perché dopo le 18 consumavamo bevande alcoliche in strada. I carabinieri, dal canto loro, ieri hanno sanzionato 62 persone a Napoli: 25 perché sorprese in giro dopo le 22, altre 37 senza mascherina.

14:26 - Di Maio: "Esercito serve ad aiutare zone in sofferenza"

"Spero che si accetti" l'esercito nella Regione Campania, "non si tratta di militarizzare la Regione ma aiutare con le nostre eccellenze delle zone che sono andate in sofferenza". Lo dice a L'aria che tira il ministro degli Esteri Luigi Di Maio.

14:25 - Di Maio: "A De Luca dico lavoriamo insieme per Campania"

 "L'unica cosa che mi interessa è tutelare la salute dei cittadini di tutte le Regioni - spiega il ministro degli Esteri Luigi Di Maio a L'aria che Tira, su La 7 -. Io non ho mai attaccato un governatore o un sindaco, ho sempre spinto alla collaborazione istituzionale" ma le scene di Napoli "non sono le prime, le abbiamo viste in tempo di pace. Le debolezze strutturali le conosciamo, negare l'evidenza è sbagliato, non è una cosa personale tra me e De Luca. Le sue parole? Avrà dato altro materiale a Crozza per il prossimo venerdì, mettiamola così....", sottolinea. "Io a De Luca voglio mandare un messaggio di pace, lavoriamo insieme per la Regione. Noi applichiamo un metodo a livello nazionale, sui dati inviati dalle Regioni e il ministro Speranza non ha potuto fare altrimenti che dichiarare la Campania zona gialla".

13:55 – Il ministro Boccia: “Nuovo bando per 450 medici in Campania"

"È online sul sito della Protezione civile un ulteriore bando per l'individuazione di 450 medici volontari, specializzati, da destinare alla Regione Campania per la gestione dei casi di Covid-19. Questi medici si sommano agli operatori sanitari che avevano già dato la disponibilità per essere utilizzati dalla Regione Campania trasmessi con il bando del 24 ottobre”, ha affermato il ministro per gli Affari regionali e le Autonomie, Francesco Boccia. “Il nuovo bando prevede il reclutamento, anche attraverso il rientro dalla pensione, di 150 specializzati in Anestesia e Rianimazione, 100 specializzati in Malattie Infettive, 100 specializzati in Malattie dell'Apparato Respiratorio e 100 specializzati Medicina e Chirurgia d'Accettazione e Urgenza che opereranno sul territorio campano; tutte le spese saranno a carico dello Stato”, ha poi spiegato Boccia. “Dopo Calabria e Molise - ha aggiunto il ministro Boccia - ieri anche la Regione Puglia ha inoltrato alla Protezione civile la richiesta di un ospedale da campo per fronteggiare l'emergenza sanitaria; l'Esercito, a cui va sempre il nostro grazie così come alla Croce Rossa italiana, attiverà nelle prossime ore 40 posti letto a Barletta, comprensivi di tutti i servizi, terapia intensiva e tamponi compresi, che allenteranno la pressione sulle reti sanitarie pugliesi. Questa guerra contro il Covid la vinciamo se combattiamo insieme, senza polemiche ma, con leale collaborazione, remando tutti nella stessa direzione: contenimento del contagio, messa in sicurezza degli operatori sanitari e rafforzamento delle reti sanitarie".

12:56 - Piazzetta Capri vuota, bar e caffè chiusi

Capri rimette in piedi il sistema dei servizi e assistenza domiciliare a favore di anziani e di tutti coloro impossibilitati a muoversi in questa nuova fase con la Campania dichiarata zona rossa annuncia il sindaco Marino Lembo, mentre la celebre 'piazzetta' si presenta vuota con bar e caffè chiusi. Tornano, quindi, in campo i volontari per il recapito a domicilio della spesa e dei medicinali a chi ne farà richiesta sul territorio comunale ed in particolare nelle zone alte mentre l'ospedale Capilupi è pronto ad eventuali emergenze che dovessero manifestarsi in questo periodo di chiusura. Stamane, a poche ore dall'entrata in vigore delle nuove disposizioni, la 'piazzetta' mostrava l'immagine inedita già vista nella scorsa primavera con i bar ed i caffè chiusi e con l'edicola alla base del Campanile, la tabaccheria e la farmacia di turno in via Roma quali uniche attività aperte. 

11:17 - Il sindaco di Pozzuoli proroga stop parchi e lungomare

Il sindaco di Pozzuoli, Vincenzo Figliolia, ha prorogato fino al 30 novembre la chiusura al pubblico - con divieto di accesso, sosta e attività motoria - del lungomare Pertini in Via Napoli, della passeggiata pedonale del lago d'Averno a Lucrino, della darsena nel centro storico e della villetta di Lucrino adiacente alla piscina comunale. Si tratta di un inasprimento delle misure previste per la zona rossa, viene spiegato dal Comune, per evitare assembramenti e frequentazioni assidue da parte dei residenti. Nel provvedimento, che proroga una precedente ordinanza in scadenza il 16 novembre, viene interdetto anche il tratto di passeggiata a mare che va dal manufatto ex Vicienzo a Mare ai piedi del Rione Terra e il tratto di Via Italia compreso tra l'incrocio con la Strada Provinciale Lucrino intorno al Lago e il civico 63, ad esclusione dei residenti e dei titolari di attività. Prorogata, inoltre, la chiusura dei parchi pubblici cittadini (Villa Avellino, Oasi Monte Nuovo e Parco Urbano Attrezzato) e tutti gli impianti sportivi pubblici e privati - compresi piscine, centri e circoli sportivi, a eccezione di quelli utilizzati per le attività professionistiche, semi-professionistiche e dilettantistiche di livello nazionale. Sospese le fiere settimanali del mercoledì di Monterusciello e Rione Toiano, con l'aggiunta del mercato giornaliero non alimentare che si svolge in maniera itinerante. Il provvedimento, infine, ha stabilito la chiusura per l'intera giornata dei parcheggi Multipiano e del Molo Caligoliano e la chiusura alle 15 del parcheggio del Mercato Ittico all'Ingrosso. Prorogato fino al 30 novembre anche la chiusura al pubblico degli uffici comunali, tranne che per i servizi essenziali. 

11:06 - Muoiono nel Casertano poliziotto e finanziere 54enni

Un poliziotto e un finanziere in servizio nel Casertano sono morti a causa del Covid. Entrambi 54enni, il poliziotto Vincenzo Spadarella lavorava nell'ufficio tecnico logistico interregionale Vega della polizia che ha sede ad Aversa. Sposato con due figli, Spadarella è deceduto al Covid Hospital di Maddaloni. Il 54enne Danilo Velotto, sposato con tre figli, è invece il primo deceduto tra le Fiamme Gialle nel Casertano.

10:46 - Vincenzo De Luca: "Governo rincorre il virus senza prenderlo"

"Io sono stato per la linea della prevenzione del Covid. Il governo ha scelto la linea sbagliata della rincorsa al Covid. Quando io chiudevo le scuole, la ministra Azzolina e il premier mi hanno attaccato, per poi fare un mese dopo quello che avevamo fatto già in Campania. Abbiamo avuto un calvario di ordinanze e di decreti che hanno creato una situazione caotica". Lo afferma il governatore della Campania, Vincenzo De Luca, in un'intervista a Libero in cui definisce "un errore grave dividere l'Italia in zone, sia dal punto di vista del contrasto al Covid, che dal punto di vista politico e sociale". "Si sono alimentati conflitti e divisioni fra territori e categorie sociali. Bisognava chiudere tutto a ottobre, e con un'unica misura nazionale", rimarca De Luca. "Se rivotiamo domani anziché il 70, prendo l'80% dei consensi. Nessuno confonda i propri desideri con la realtà. Oggi - sostiene De Luca - è in difficoltà chi ha partecipato a una campagna di sciacallaggio politico e mediatico contro la Campania, e contro l'unico presidente che aveva detto la verità due mesi fa, e che ha attuato in anticipo misure che oggi prendono tutti". La situazione reale negli ospedali campani "è di buona tenuta, in un quadro di generale pesantezza", assicura. "C'è un affollamento come in tutta Italia, nei pronto soccorso. E c'è una grande carenza soprattutto di anestesisti: è questa la nostra criticità vera".

8:28 - Scatta oggi la zona rossa in Campania

Scatta la zona rossa per la Campania. Nuova stretta per contrastare la seconda ondata della pandemia di Coronavirus. L'ordinanza firmata dal ministro della Salute, Roberto Speranza, sarà valida per due settimane e prevede una serie di misure, regole e restrizioni.  Stop a ogni spostamento, anche all’interno del proprio Comune, in qualsiasi orario. Sono consentiti gli spostamenti legati a motivi di lavoro, necessità e salute, abbinati a un'autocertificazione. Chi si sposta senza un motivo valido rischia sanzioni fino a 400 euro. Portare fuori il cane è consentito. No agli spostamenti da una Regione all’altra e da un Comune all’altro. Inoltre, chiusi bar e ristoranti sette giorni su sette. Le regole permettono l'attività di asporto fino alle 22, mentre la consegna a domicilio non è soggetta a restrizioni. Possono rimanere aperti supermercati, negozi di beni alimentari e di necessità. Saracinesche alzate per aperte edicole, tabaccherie, farmacie e parafarmacie, lavanderie, parrucchieri e barbieri. Chiusi gli altri negozi e i centri estetici. Restano aperti i punti di somministrazione e alimenti lungo le autostrade o negli ospedali.

8:24 - Luigi de Magistris: "Seduti sopra un vulcano ma Roma non lo sa"

"Siamo seduti non sotto un vulcano. ma sopra. La città è una polveriera e temo che a Roma non ne siano consapevoli". Questo è un passaggio saliente dell'intervista del sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, a La Stampa. Secondo il primo cittadino partenopeo, che ha scritto in proposito al premier Giuseppe Conte, quello che occorre davvero sono risorse e che il sindaco le distribuisca. Napoli "è una città anarchica con la sua resilienza. Qui c'è una economia informale che negli ultimi anni era cresciuta grazie al turismo. Questi mesi l'hanno fiaccata. La gente è sconcertata, seriamente preoccupata e anche in tensione per il futuro".

Napoli: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24

Fai login per ottenere il meglio subito.

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.