Coronavirus Campania: 27 nuovi casi, nove sono ad Acerra

Campania

Nove casi sono legati alla struttura sanitaria di Acerra, nel Napoletano (6 ieri e 3 oggi). Nessun decesso, il bilancio resta a 440

Il nuovo LIVE con tutti gli aggiornamenti di oggi in Campania


Sono 27 i positivi al coronavirus nelle ultime 24 ore in Campania. Nove casi sono legati alla struttura sanitaria di Acerra, nel Napoletano (6 ieri e 3 oggi). I tamponi del giorno sono stati 1.708. Il totale dei positivi finora in Campania è di 5.170 su un complessivo di 354.546 tamponi. Nessun decesso, il bilancio resta a 440. I guariti del giorno sono 4, il totale arriva a 4.283. (TUTTI GLI AGGIORNAMENTI IN DIRETTA)

18:18 - Oltre 6000 arrivi a Capodichino, sicurezza funziona

Voli in arrivo dai Paesi a rischio secondo il piano del ministro Speranza ma nessuna nave approdata al porto. Questo il bilancio della giornata nei principali punti di accesso dall'estero a Napoli, dove gli italiani tornati dalle vacanze hanno trovato uno scenario mutato. Molta attività all'aeroporto di Capodichino che con la ripartenza di quasi tutti i voli è l'hub più importante al momento. Oggi c'erano 81 voli in totale tra partenze e arrivi, rispetto ai 106 dello scorso anno. Di questi cinque erano in arrivo dalla Grecia, tre dalla Spagna, due da Malta e uno dalla Croazia. I dati di arrivi sono disponibili dalla sera ma ci si può basare su quelli di ieri che parlavano di 12.515 passeggeri totali, di cui 6.250 in arrivo tra i voli nazionali e internazionali: sugli 81 voli di oggi, 14 erano nazionali, gli altri da e per l'estero. All'aeroporto proseguono le operazioni aeroportuali con le misure anti covid di GESAC, la società che gestisce su scalo, con anche la cabina di sanificazione per i passeggeri, l'igienizzazione con raggi UV-C, sanificazione costante dell'aria condizionata e delle apparecchiature in uso ai viaggiatori. Non ci sono controlli specifici previsti allo sbarco, ma restano per tutti le regole del governo e l'ordinanza regionale di De Luca che prevede autoisolamento per chi arriva dall'estero in attesa dei risultati di test sierologico e tamponi. Giornata tranquilla al porto di Napoli, invece, dove non c'erano oggi arrivi dai Paesi esteri ma solo afflusso notevole dei vacanzieri, soprattutto locali, diretti alle isole del golfo.

17:35 - Libanese di ritorno da Malta positivo a Ischia

Un cittadino libanese è stato trovato positivo al coronavirus ad Ischia e trasferito all'Ospedale del Mare di Napoli con un'idroambulanza della Guardia Costiera. L'uomo, di circa 40 anni d'età, era tornato sull'isola dopo un lungo periodo trascorso a Malta per lavoro; nei giorni scorsi aveva accusato un malessere ed era stato ricoverato presso l'ospedale Rizzoli di Lacco Ameno dove è stato sottoposto ad una serie di accertamenti sanitari tra cui il tampone per il covid. A seguito della positività riscontrata ne è stato quindi deciso il trasferimento presso la struttura ospedaliera in terraferma, effettuato con il mezzo nautico veloce della capitaneria di porto di Procida. "Nessun pericolo di diffusione del contagio" ha sottolineato il dottor Ciro Di Gennario, responsabile covid della ASL Napoli 2 per l'isola d'Ischia "il paziente è stato isolato sin dalla sua entrata al Rizzoli, sono stati osservate scrupolosamente tutte le procedure previste per tutelare gli altri malati ed il personale sanitario e possiamo quindi affermare che ad Ischia non c'è allarme covid".

17:27 - Coronavirus: 27 positivi in Campania, 9 sono ad Acerra

Sono 27 i positivi al coronavirus nelle ultime 24 ore in Campania. Nove casi sono legati alla struttura sanitaria di Acerra, nel Napoletano (6 ieri e 3 oggi). I tamponi del giorno sono stati 1.708. Il totale dei positivi finora in Campania è di 5.170 su un complessivo di 354.546 tamponi. Nessun decesso, il bilancio resta a 440. I guariti del giorno sono 4, il totale arriva a 4.283.

16:30 - Ordinanza sindaco Capri: mascherina tutto il giorno

Da domani al prossimo 30 agosto nel comune di Capri sarà obbligatorio indossare tutto il giorno la mascherina. E' quanto prevede un'ordinanza firmata nella mattinata di oggi dal sindaco del Comune dell'isola azzurra, Marina Lembo. Il primo cittadino di Capri aveva già disposto, nei giorni scorsi, l'uso della mascherina dalle 18 alle 4 del mattino, solo nel corso del week end ma con l'ordinanza di oggi si fa obbligo di indossare la mascherina facciale a chiunque transiti sul territorio del comune di Capri e frequenti le aree pubbliche o aperte al pubblico. E' stata ampliata la zona, prevista nella prima ordinanza, dove vigeva l'obbligo e che andava dalla piazza Strina alla Piazzetta e alle aree limitrofe del centro. L'area, secondo l'ordinanza di oggi, infatti va da largo due Golfi di via Roma fino a piazza Umberto I (Piazzetta) per continuare nelle zone dove già vigeva il divieto per estendersi lungo via Vittorio Emanuele (Quisisana), via le Botteghe, via Fuorlovado, via Camerelle, via Certosa, via Ignazio Cerio, viale Giacomo Matteotti (Giardini di Augusto) e via Federico Serena. L'ordinanza è stata poi estesa alle strade di Marina Grande dove include via Cristoforo Colombo fino all'ingresso del Porto Turistico, il molo detto il Pennello, il molo della Banchinella e le piazze adiacenti gli sbarchi: piazza Vittoria, piazzetta Angelo Ferraro, l'intera area delle biglietterie di aliscafi, funicolare e bus e un tratto della via provinciale Marina Grande nel tratto che va da piazza Vittoria fino al terminal degli autobus di linea. L'obbligo include anche la piazzetta Antonio de Curtis a Marina Piccola. Altresì è fatto obbligo indossare le mascherine anche alle fermate degli autobus durante l'attesa ed anche nelle zone dei parcheggi del servizio taxi. Dall'obbligo sono esclusi i bambini al di sotto dei sei anni ed anche i soggetti con forti disabilità non compatibili con l'uso continuativo della mascherina. Alla Polizia Municipale e agli altri agenti di forza pubblica si chiede di vigilare sull'osservanza dell'ordinanza firmato oggi dal sindaco Lembo adottando le opportune sanzioni nei confronti dei trasgressori così come previsto dalla legge

13:01 - De Magistris: "Tamponi a chi rientra? Bene ma in ritardo"

'Dall'inizio dell'epidemia, da quando ci fu sciagurata inadeguatezza nell'impedire l'8 marzo la migrazione di migliaia di persone dalla Lombardia verso il Meridione e così anche alla riapertura dei confini, ho sempre detto che era necessario imporre l'obbligo del tampone o del test rapido. Prendo atto con soddisfazione che seppur con molto ritardo la misura è stata adottata''. Lo ha detto il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, all'ANSA commentando l'ultima ordinanza della Regione Campania che obbliga i campani di rientro da vacanze all'estero a sottoporsi a tamponi e alla quarantena in attesa dell'esito. De Magistris ha sottolineato che ''dobbiamo abituarci a convivere con una fisarmonica di focolai e con aumenti e diminuzione dei contagi anche legati al numero di tamponi che vengono fatti che in Campania non sono mai stati, neanche adesso, adeguati a fronteggiare un'epidemia. Bisogna alzare sempre al livello adeguato l'attenzione e le precauzioni''.

7:30 - 500mila mascherine distribuite nelle località di mare

La consegna straordinaria di circa 550mila mascherine per residenti e turisti che si trovano nelle località balneari della costa campana particolarmente affollate è stata disposta dall'Unità di Crisi della Campania, su indicazione del Presidente della Regione Vincenzo De Luca. Le mascherine verranno distribuite nei comuni costieri sia attraverso i gazebo della Protezione Civile, nei giorni 14/15 agosto e 21/22 agosto, sia tramite gli operatori commerciali all'ingresso di stabilimenti e locali.

7:01 - Otto positivi in una clinica ad Acerra

Salgono a otto i contagi tra il personale medico ed infermieristico della clinica Villa dei fiori di Acerra (Napoli), dove sono stati effettuati circa 100 tamponi tra gli stessi operatori sanitari ed i degenti. Lo rende noto il sindaco Raffaele Lettieri, il quale ha sottolineato che al momento sarebbero arrivati i risultati di circa la metà dei tamponi effettuati. I contagiati, in tutto, sarebbero nove, di cui uno, il paziente del reparto cardiologia risultato positivo al tampone dopo due test sierologici negativi, è stato trasferito al Cotugno di Napoli. ''Per ora - ha spiegato Lettieri - sono otto gli operatori sanitari contagiati, e solo uno è residente ad Acerra. Attendiamo l'esito dell'altra metà dei tamponi effettuati finora. Abbiamo appreso anche che migliorano le condizioni del paziente risultato positivo ieri, che però è stato trasferito al Cotugno di Napoli''.

Napoli: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24

Fai login per ottenere il meglio subito.

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.