Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video

Regno Unito, 100 anni di elezioni in un'animazione: guarda l'infografica

3' di lettura

Il 12 dicembre il Regno Unito torna al voto. Ecco come sono andate tutte le competizioni elettorali dal 1918 al 2017 in una visualizzazione interattiva

Il 12 dicembre prossimo i cittadini britannici tornano a votare per le elezioni generali che decideranno chi dovrà governare il Paese. Per la Gran Bretagna si tratta della terza tornata elettorale ravvicinata dopo quelle del 2015 e del 2017.

La campagna elettorale ruota intorno ai due temi che, secondo i sondaggi, stanno più a cuore agli elettori: la Brexit e il rapporto con l’Unione europea e il Servizio sanitario nazionale. A contendersi la maggioranza a Westminster, sede del Parlamento inglese, saranno, ancora una volta, il partito conservatore, oggi guidato dall’attuale primo ministro Boris Johnson, e il partito laburista, attualmente capeggiato da Jeremy Corbyn. Ancora una volta perché sono proprio queste le due forze politiche che, come mostra il nostro grafico interattivo, si sono alternate alla guida del Regno Unito negli ultimi 100 anni. Dal 1922 in poi ogni elezione generale è stata vinta da una di loro.

(se non visualizzi il contenuto interattivo CLICCA QUI)

 

Non è un caso che il sistema elettorale britannico sia spesso menzionato quando si parla di “alternanza”. Come rivela la successione delle elezioni mostrata dal grafico, conservatori e laburisti si sono scambiati la maggioranza a Westminster per tutto il ‘900 e in questo primo scorcio di millennio. Nell’avvicendamento si possono anche individuare delle fasi in cui una delle due compagini ha avuto una prolungata egemonia sulla società britannica. Per esempio, i conservatori tra il 1979 e il 1992 si sono imposti in quattro elezioni consecutive sotto la guida di Margaret Thatcher prima e John Mayor poi. I laburisti di Tony Blair, da parte loro, si sono affermati in tre competizioni elettorali tra il 1997 e il 2005. 

In caso di vittoria il prossimo 12 dicembre i conservatori otterrebbero la quarta affermazione consecutiva. Anche se non è detto che il solo fatto di ottenere più voti di tutti in Parlamento consenta di governare. Anche se rari, non sono infatti mancati nella storia politica inglese casi di governi di coalizione, soprattutto in tempi recenti. Basta ricordare il 2010 e il 2017 quando il partito conservatore, per avere una maggioranza parlamentare che gli consentisse di governare, è dovuto ricorrere all’aiuto, rispettivamente, dei liberal-democratici e degli unionisti irlandesi. 

Il numero magico per ottenere la maggioranza assoluta è comunque 326. I seggi della House of Commons, la camera “bassa” del parlamento inglese (quella “alta” è la House of Lords), sono infatti 650. Attualmente i conservatori possono contare su 298 seggi, i laburisti 243. Entrambi i partiti hanno perso seggi dal giorno delle elezioni 2017 quando avevano conquistato rispettivamente 317 e 262 posti in parlamento.

(se non visualizzi il contenuto interattivo CLICCA QUI)

Leggi tutto
Prossimo articolo
Segui Sky TG24 sui social:

SCELTI PER TE

    Aggiungi Sky TG24 al tuo Homescreen

    Clicca l'icona e seleziona

    "Aggiungi a Schermata Home"

    Aggiungi Sky TG24 al tuo Homescreen

    Clicca l'icona e seleziona

    "Aggiungi a Home"