Covid Corea del Nord, esercito schierato per combattere il virus

Mondo
Kcna/Ansa

I militari hanno intensificato la distribuzione di medicinali destinati a contrastare la pandemia, come riferisce l'agenzia di stampa ufficiale Kcna. Kim Jong Un ha preso il controllo personale della lotta al virus che secondo lui sta causando "grandi sconvolgimenti" al Paese la cui popolazione non è vaccinata

ascolta articolo

Emergenza Covid-19 in Corea del Nord. L'esercito ha intensificato la distribuzione di medicinali destinati a combattere la pandemia, come riferisce l'agenzia di stampa ufficiale Kcna. Il leader Kim Jong Un ha ordinato un blocco nazionale per cercare di arginare la diffusione del virus nel Paese, la cui popolazione non è vaccinata, e ha schierato i militari proprio per aiutare a combattere i contagi. Centinaia di membri in servizio dell'esercito popolare coreano in uniforme mimetica sono stati visti radunarsi nella capitale Pyongyang, come mostrano le foto rilasciate dalla Kcna (TUTTI GLI AGGIORNAMENTI SUL COVID LIVE).

Esercito schierato

approfondimento

Covid, Kim Jong-un mobilita l’esercito per distribuire i farmaci

L'esercito "ha schierato urgentemente le sue forze in tutte le farmacie nella città di Pyongyang e ha iniziato a fornire farmaci come parte di un servizio 24 ore su 24", ha affermato la Kcna. Kim Jong Un lunedì aveva criticato aspramente il governo e le autorità sanitarie per la gestione della pandemia, in particolare per la mancata apertura delle farmacie in ogni momento. Da quando il Paese ha annunciato il suo primo caso di Covid giovedì scorso, il leader ha preso il controllo personale della lotta al virus, che secondo lui sta causando "grandi sconvolgimenti" nel Paese. Le autorità hanno segnalato oltre 1,48 milioni di casi di "febbre" e 56 morti dalla comparsa del Covid nel Paese e "almeno 663.910 persone sono sottoposte a cure mediche", secondo la stessa fonte.

Usa: Corea del Nord ha rifiutato le donazioni di vaccini

Intanto il portavoce del dipartimento di Stato americano, Ned Price, "ha ricordato che fino ad oggi la Corea del Nord ha rifiutato tutti i vaccini donati a diversi Paesi tramite Covax", cioè dall'iniziativa lanciata dall'Oms e dagli Usa per aiutare le nazioni più in difficoltà. E ha sottolineando che gli Usa "continuano a sostenere gli sforzi internazionali per aiutare la popolazione nordcoreana".

Mondo: I più letti