Messico, si rompe gasdotto: un "occhio di fuoco" in mare. VIDEO

Mondo

La perdita di gas all’origine dell’incendio è avvenuta a 140 metri dalla piattaforma Ku-Charly, nel più grande campo petrolifero di Pemex, Ku-Maloob-Zaap, ubicato nella Baia di Campeche, a sud del Golfo del Messico

C’è una perdita di gas all'origine dell'incendio avvenuto a 140 metri dalla piattaforma Ku-Charly, nel più grande campo petrolifero di Petroleos Mexicanos (l'azienda petrolifera statale messicana), ubicato nella Baia di Campeche, a sud del Golfo del Messico. Le immagini - diffuse sui social - mostrano un occhio di fuoco in mezzo all'acqua.

Un temporale all'origine dell'incendio?

Petroleos Mexicanos è ricorsa all'aiuto di imbarcazioni specializzate per il controllo degli incendi in mare che hanno domato le fiamme con getti d'acqua e azoto dall'alto. Non si sono registrate né vittime né feriti sulla piattaforma. Una fonte anonima all'interno di Pemex ha dichiarato ai media che tutto è cominciato con un temporale che ha danneggiato i macchinari della piattaforma. Non è chiaro per il momento che danni ambientali abbia provocato l’incendio sulla superficie dell’oceano e la perdita di gas in acqua. Il campo petrolifero di Ku-Maloob-Zaap è il più grande controllato da Pemex: vi viene prodotto più del 40% dei suoi quasi 1,7 milioni di barili di greggio giornalieri.

Mondo: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24