Coronavirus, negli Usa quasi 4,5 milioni di casi. Messico 3° Paese per numero di vittime

Mondo
©Getty

Negli Stati Uniti per il terzo giorno consecutivo si sono registrati più di 1.200 morti. Il presidente Trump: "Nuovo lockdown non può essere la risposta". Il Paese del centro America intanto ha superato il Regno Unito per numero di morti. In Inghilterra, nuova stretta ai movimenti per 4 milioni di persone dopo un forte ritorno dei contagi

Continuano a crescere le cifre della pandemia da coronavirus nel mondo. I casi sono quasi 17,3 milioni e le vittime sono più di 673mila. Resta molto grave la situazione negli Stati Uniti, il Paese più colpito, dove i contagi sfiorano quota 4,5 milioni. Intanto il Messico è diventato il terzo stato al mondo per numero di vittime, dopo aver superato il Regno Unito, dietro a Usa e Brasile (GLI AGGIORNAMENTI LIVE - LO SPECIALE). 

Usa, terzo giorno consecutivo con più di 1.200 morti

vedi anche

Coronavirus, da Usa a Perù: i 10 Paesi con più contagi in 24 ore. FOTO

Negli Usa i nuovi casi di coronavirus nelle ultime 24 ore sono stati 72.238, secondo quanto emerge dai dati della Johns Hopkins University. I morti sono stati 1.379, ed è il terzo giorno consecutivo in cui i decessi superano quota 1.200. I contagi complessivi nel Paese sono quasi 4,5 milioni. In conferenza stampa, il presidente Donald Trump ha affermato che questa "terribile malattia" è "molto contagiosa" ma un nuovo "shutdown totale non può essere la risposta". Poi ha sottolineato che le scuole devono riaprire ma non è possibile garantire che siano sicure, e ha ribadito di
ritenere che i giovani siano "quasi immuni" rispetto al Covid-19. Intanto il Pentagono ha aggiudicato al colosso farmaceutico britannico GlaxoSmithKline un contratto da 342 milioni di dollari per la produzione di "quantitativi di massa di vaccino contro il Covid-19" per le truppe statunitensi.

 

Morto l'ex candidato alla Casa Bianca Herman Cain

Sempre negli Usa è morto a causa del coronavirus l'ex candidato repubblicano alla Casa Bianca Herman Cain. L'imprenditore di 74 anni, noto come il "Re della pizza", era stato ricoverato il 2 luglio scorso e - secondo quanto riportano alcuni media - potrebbe aver contratto il Covid-19 al controverso comizio di Donald Trump a Tulsa.

Messico terzo Paese al mondo per numero di vittime

approfondimento

Coronavirus, dal primo caso ai contagi: le tappe. FOTO

Il Messico ha superato il Regno Unito ed è diventato da ieri sera il terzo Paese al mondo in termini di decessi correlati al coronavirus oltrepassando quota 46mila morti, dietro a Stati Uniti e Brasile. Lo riporta l'Afp, in base ai dati ufficiali.

Inghilterra, nuova stretta ai movimenti dopo il forte ritorno dei contagi

In Inghilterra dalla mezzanotte scorsa, a seguito di un forte ritorno dell'epidemia, sono scattate nuove misure di restrizione per i movimenti di oltre 4 milioni di persone nel nord del Paese. Tra le altre cose, alle persone di gruppi familiari diversi è proibito incontrarsi al chiuso nella Greater Manchester e in parti del Lancashire orientale e del West Yorkshire. Un nucleo familiare potrà andare al pub, ma senza mescolarsi con altre persone. Il ministro della salute Matt Hancock ha spiegato che la stretta si è resa necessaria perché le persone non osservano il distanziamento sociale. La nuova diffusione del Covid "è in gran parte dovuta alle riunioni delle famiglie e al mancato rispetto delle distanze sociali", ha sottolineato.

Mondo: I più letti