Corea del Nord rinvia l'attacco a Guam, Kim: "Aspetto le mosse Usa"

Mondo

Pyongyang afferma che, nonostante sia pronto a far fuoco in qualsiasi momento, osserverà "ancora un po'" il comportamento degli Stati Uniti. Il segretario alla Difesa americano Mattis avverte: un attacco porterebbe "rapidamente alla guerra"

La Corea del Nord è pronta ad attaccare l'isola di Guam (LA SCHEDA), ma Kim Jong-un (BIOGRAFIA DEL DITTATORE) sembra aver accantonato per ora i suoi piani. Prima di lanciare missili guarderò "un altro po' il ridicolo e folle comportamento degli yankee", ha affermato il leader nordcoreano, secondo quanto riportato dall'agenzia ufficiale Kcna. Kim ha avvertito tuttavia che potrà cambiare opinione "se gli Usa continueranno con le loro azioni insensate nella penisola coreana. Secondo il dittatore "è necessario che gli Usa prendano la giusta decisione".

Kim: "Aspetto le mosse degli Usa"

Kim "ha valutato a lungo i piani d'attacco" e "ne ha discusso" con le autorità militari durante una ispezione al Comando delle forze strategiche, che guida il programma missilistico del Paese, ha spiegato l'agenzia.

Washington: se attaccano è guerra

Il segretario alla Difesa americano Mattis avverte intanto che un attacco porterebbe "rapidamente alla guerra" e aggiunge che qualsiasi missile lanciato verso Guam sarebbe subito eliminato. Il presidente Usa Donald Trump, invece, ottiene l'appoggio del Giappone che attraverso il premier Shinzo Abe afferma che "prevenire il possibile lancio dei missili" da parte della Corea del Nord contro l'isola di Guam "sia la cosa più importante". Evitare "una guerra a tutti i costi" è anche l'impegno preso dal presidente sudcoreano Moon Jae-in.

Mondo: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24