Botti, due minorenni perdono la mano nel Milanese

Lombardia

Il ragazzino di 13 anni ha raccolto un petardo inesploso. Stessa sorte per il 14enne a Cuggiono

In provincia di Milano un 13enne e un 14enne, in due episodi distinti, hanno subito l'amputazione di una mano a causa delle gravi ferite riportate nell'esplosione di petardi. Il primo episodio è accaduto in via Capuana, a Milano, intorno alle 20:30, e ha coinvolto oltre al giovane, altri due ragazzini, tutti di origine romena. Il 14enne invece è rimasto dilaniato poco prima dell'una in via De Gasperi a Cuggiono (Milano). Nessuno dei due è in pericolo di vita.

La dinamica dei fatti

Il 13enne, insieme ad altri due amici, stava usando dei petardi quando, raccogliendone uno inesploso, è rimasto coinvolto nella potente deflagrazione che ha coinvolto tutti e tre. Lui, trasportato d'urgenza a Niguarda, ha riportato l'amputazione traumatica della mano destra, e ferite al volto e alle gambe. A Cuggiono, invece, il ferito è un 14enne che, insieme a un coetaneo, ha raccolto a sua volta un petardo inesploso con una piccola miccia rimasta incombusta, che poi gli è scoppiato in mano quando lo ha riacceso. Trasportato alla clinica Humanitas di Rozzano (Milano), ha subito la sub-amputazione della mano sinistra e bruciature alle braccia. Altri due feriti si sono presentati autonomamente nella notte all'ospedale San Carlo a Milano, con ferite da petardo, portati da amici e parenti. Si tratta di una 24enne che presentava un'ampia ferita alla mano sinistra, che ha riportato 15 giorni di prognosi, giunta al pronto soccorso alle 23:15, e un bambino di nove anni portato dal padre poco dopo mezzanotte, con una ferita alla mano destra con la frattura di alcune falangi che ha riportato una prognosi di 25 giorni.

Milano: I più letti