L'estro di Tullio Pericoli in mostra a Palazzo Reale di Milano

Lifestyle

Sabrina Rappoli

In esposizione oltre 150 opere, che vanno dal 1977 al 2021, una raccolta che contiene una grande parte dell’ultima produzione dell’artista

ascolta articolo

Nelle sale dell’Appartamento dei Principi, a Palazzo Reale di Milano, è in corso fino al 9 gennaio la mostra dedicata a Tullio Pericoli. Si intitola Frammenti ed è realizzata in collaborazione con l’artista e la curatela del critico d’Arte Michele Bonuomo.

“Tullio Pericoli è rigoroso pittore di sé stesso – afferma Bonuomo - mai disponibile ad opportunismi e a compromessi di sorta. Nella sua lunga pratica di pittura si è immedesimato nel paesaggio naturale o in quello di un volto umano, suoi alter ego, muovendosi con disinvolta sprezzatura tra minuscolo e immenso nel tracciare e annotare ‘vedute’ autobiografiche”.

Invece della laurea scelse l'Arte e si trasferì a Milano

Marchigiano di Colli del Tronto, paese in provincia di Ascoli Piceno, Tullio Pericoli, sin da giovane abbandona gli studi di Giurisprudenza per dedicarsi all’arte. Pittore e disegnatore, ripercorre – in questa esposizione - la sua lunga e ricca carriera, tra pagine di giornali, volumi, committenze.

I suoi paesaggi ci ricordano l'importanza della memoria

approfondimento

Tullio Pericoli: “Anche in un quadro ci sono i punti e le virgole"

Un’attività diversificata, che nell’ultimo ventennio si è concentrata sul paesaggio.

“Dipingo paesaggi – dice Pericoli – per apprendere la loro lingua e leggere le loro pagine. Una lettura che parte sempre dalla geologia. Li dipingo anche per ricordare che non ci si può e non ci si deve liberare della memoria, per seguire una storia che strato sotto strato si snoda per tempi infiniti. Ma questo forse non è del tutto vero. Non dipingo paesaggi per fare paesaggi. Li dipingo soprattutto per il piacere di dipingere, e di fare un quadro dopo l’altro”.

Nella sua produzione anche ritratti e messe in scena di opere

Senza dimenticare i suoi ritratti di personaggi della cultura, pubblicati in tutto il mondo e le sue incursioni nel teatro, con le messe in scena di opere per l’Opernhaus di Zurigo e il Teatro alla Scala di Milano.

In mostra 150 lavori dal 1977 al 2021

A palazzo Reale ci sono oltre 150 opere, che vanno dal 1977 al 2021, una raccolta che contiene una grande parte dell’ultima produzione dell’artista.

Imperdibile la stanza dedicata ai ritratti: fisionomie fedeli e al tempo stesso trasfigurate; una sorta di assemblea delle figure più importanti della scena culturale internazionale, amici, colleghi, ispiratori.

Lifestyle: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24