Sandman, l'opera di Neil Gaiman finalmente in un cofanetto integrale

Lifestyle

Gabriele Lippi

Dieci volumi (più quattro speciali) pubblicati da Panini Comics restituiscono al pubblico italiano un grande classico del fumetto. Un capolavoro unico e irripetibile, capace di superare i confini del genere, portandolo a un pubblico non necessariamente di addetti

A 30 anni di distanza dalla sua prima pubblicazione e al termine di un percorso editoriale complesso e travagliato soprattutto in Italia, Sandman torna in fumetteria nella sua versione più completa. Un cofanetto pubblicato da Panini Comics (GUARDA LE TAVOLE IN ANTEPRIMA), finalmente, con tutti i volumi dell’iconica serie a fumetti scritta da Neil Gaiman (American Gods, Stardust, Coraline) all’inizio della sua carriera da autore, e con inclusi gli albi speciali Ouverture (il prequel della storia premiato con l'Hugo come migliore graphic novel nel 2016), le due versioni di Cacciatori di sogni e la raccolta di storie brevi Notti eterne. Quattordici libri, in tutto, acquistabili tutti insieme al prezzo di 250 euro o separatamente, con due capitoli in uscita ogni mese.

Un viaggio sincretico tra mitologie diverse

vedi anche

Sandman, le tavole del cofanetto Panini Comics

Sandman racconta la storia di Sogno, o Morfeo, una delle sette entità mistiche che regolano la vita umana, gli Eterni, e pian piano compone un pantheon ricco di figure che strizzano l’occhio alla mitologia tradizionale, da quella greca alla norrena, passando per la cristiana, in un solco che sarà quello poi ripercorso da Gaiman con American Gods. Il tutto senza seguire necessariamente un filo conduttore tra un albo e l’altro, senza farsi imbrigliare da una trama tradizionale, rompendo i vincoli della serialità tipica del fumetto americano e intercettando un pubblico nuovo, decisamente più ampio di quello di genere. A comprare e leggere Sandman tra il 1989 e il 1996, gli anni in cui fu pubblicato dalla Vertigo, sottocasa della DC, furono persone che mai avevano letto un fumetto prima e mai ne avrebbero letto uno poi. L’opera fu inoltre il primo fumetto a vincere un riconoscimento letterario, il premio World Fantasy per il miglior racconto breve, sfondando di fatto il muro che separava comics e letteratura.

 

Un'opera interamente legata al suo autore

leggi anche

La Buona novella: Castaldi ricrea a fumetti il capolavoro di De André

Sandman ha legato il suo nome e la sua vita al proprio creatore, in un’epoca in cui l’autorato nel fumetto era ancora di là da venire. Unico nel suo genere, ha profondamente influenzato il mondo del fumetto senza però avere epigoni. Sandman è un classico immortale e inimitabile, troppo vincolato allo stile totalmente personale di un autore che soprattutto agli inizi non incontrò i favori di una critica che gli rimproverava una verbosità eccessiva, un gusto per il parlato forbito considerato fine a se stesso dai detrattori.

 

L'incontro di Gaiman con Alan Moore

leggi anche

Zerocalcare presenta "A Babbo morto" a Sky TG24: storia di Natale dark

Finito nel mondo del fumetto quasi casualmente, dopo un incontro fortuito con lo Swamp Thing di Alan Moore che a metà anni ’80 l’avrebbe portato ad avviare prima una corrispondenza e poi una collaborazione con quello che sarebbe diventato l’autore di capolavori come From Hell, Watchmen e V per Vendetta, dopo Sandman Gaiman si è fatto apprezzare soprattutto come romanziere e sceneggiatore per cinema e tv. Le sue opere successive non hanno fatto che incrementare il successo di Sandman, aumentando una fanbase giù piuttosto popolata che per anni, in Italia, ha inutilmente cercato di procurarsi la versione completa dell’opera prima dell’autore britannico.

Una storia editoriale complicata

leggi anche

Lucrezia, arriva in libreria la spigolosa alter ego di Silvia Ziche

Nel 2007 la Planeta annunciò una ristampa degli albi di Sandman, ma una distribuzione lacunosa rese particolarmente complesso il reperimento della raccolta completa. Il cofanetto di Panini Comics rappresenta dunque un’occasione imperdibile, a lungo attesa da fan e collezionisti, che dopo un primo slittamento (l’uscita iniziale era prevista per il 12 novembre, ma un difetto nel box ha portato al ritiro delle copie già distribuite con l’editore che ha garantito il cambio gratuito a chi già aveva acquistato il prodotto fallato), possono ora godersi finalmente un grande classico del fumetto internazionale.

Leggi gli altri approfondimenti sul mondo dei fumetti di FUMETTOPOLIS

Lifestyle: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24