Coronavirus, sindacati: giornata mondiale sicurezza sul lavoro per chi è in prima linea

Lavoro
sicurezza_GettyImages

I segretari confederali di Cgil, Cisl e Uil, Rossana Dettori, Angelo Colombini e Silvana Roseto: “Tutelare la salute dei lavoratori vuol dire tutelare il lavoro"


"Oggi, in occasione della giornata mondiale per la salute e sicurezza sul lavoro, si ricordano le migliaia di decessi che ogni anno avvengono nei luoghi di lavoro. Il 28 aprile è una giornata che, come sindacato, abbiamo sempre dedicato alle vittime dell'amianto, ma quest'anno non possiamo non riflettere anche su quanto sta accadendo a causa della pandemia globale di Covid-19 che ha cambiato e forse continuerà a cambiare ancora per molto tempo, le nostre abitudini e i nostri usi". Così i segretari confederali di Cgil, Cisl e Uil, Rossana Dettori, Angelo Colombini e Silvana Roseto.

 "Oltre che una giornata 'in ricordo', vorremmo che quella di oggi - proseguono i tre dirigenti sindacali - fosse anche una giornata a sostegno di tutti quei lavoratori, medici in prima linea negli ospedali, infermieri, medici di base, parroci, carabinieri, giornalisti, farmacisti, personale delle forze dell'ordine, vigili del fuoco, vigili urbani, polizia penitenziaria, operai, impiegati, cassieri, addetti alle pulizie, badanti, autotrasportatori, che pur essendo tra i più esposti e colpiti da questa pandemia hanno continuato a lavorare affrontando difficoltà immense per la mancanza di dispositivi di protezione individuale adeguati, di piani di prevenzione, di procedure di sicurezza idonee".

Sindacati, “è mancata protezione dei lavoratori”

Dettori, Colombini e Roseto, ricordano che "l'infezione da Covid-19 ha superato tre milioni di casi certificati e oltre duecentomila decessi nel mondo”. “Sono dati che devono farci riflettere: è mancato a livello globale un sistema di prevenzione e protezione dei cittadini e dei lavoratori".  "Nella ripresa, che tutti ci auspichiamo rapida e meno difficile dell'oggi, - aggiungono i tre dirigenti sindacali – bisognerà fare tesoro e valorizzare l'apporto di tutti coloro che hanno permesso la reale tenuta, coesione e unità del Paese, e ricominciare a considerare come merita il ruolo delle persone che permettono alle imprese e alle amministrazioni pubbliche di funzionare, creare ricchezza e mettere i servizi a disposizione dei cittadini”. "In questa fase di transitoria convivenza con il rischio di contagio che ci porterà ad una diversa ordinarietà - concludono Dettori, Colombini e Roseto – è importante che il protocollo chiaro e dettagliato, siglato d'intesa con le imprese e assunto dal Governo il 24 aprile scorso, venga declinato e soprattutto monitorato in ogni singola realtà produttiva. Ribadiamo che la salute dei lavoratori e delle lavoratrici rimane, per Cgil, Cisl e Uil un'assoluta priorità. Tutelare la salute dei lavoratori vuol dire tutelare il lavoro".

I più letti