Fujifilm, la fotografia è digitale: addio alla pellicola in bianco e nero

Fujifilm interrompe la produzione della pellicola in bianco e nero dopo oltre 80 anni (Getty Images)
2' di lettura

Dopo oltre 80 anni il gruppo giapponese ha annunciato lo stop alla produzione dell'articolo che ne ha fatto la fortuna. Gli ultimi rullini saranno disponibili fino a ottobre

Dopo oltre 80 anni Fujfilm ha annunciato la sospensione delle vendite delle pellicole fotografiche in bianco e nero. La decisione arriva per il calo della domanda: i clienti, con l'introduzione del colore e poi della fotografia digitale, stanno abbandonando la pellicola.

Il calo della domanda

L'azienda giapponese aveva iniziato a produrre le pellicole monocromatiche nel 1936 e il settore si estese talmente tanto che diventò la principale attività della compagnia, fino a raggiungere l'apice nel 1965. Oggi però il giro d'affari è diventato una frazione minima rispetto a quello dei tempi d'oro, calando del 15-20% ogni 12 mesi negli ultimi anni. "Vista la richiesta in continua diminuzione", ha fatto sapere Fujifilm in una nota, "è diventato difficile garantire stabilmente i prodotti. Ecco perché abbiamo deciso di fermare le vendite".

Stop anche alla carta fotografica

La produzione si ferma. E le ultime consegne dello stock in magazzino avverranno in ottobre. Il marchio nipponico ha inoltre riferito che interromperà anche le vendite di carta per la fotografia in bianco e nero. In un comunicato, la sussidiaria alle vendite della Fujifilm ha chiesto ai propri clienti, di "comprendere la decisione" per quanto spiacevole. Negli ultimi anni il gruppo ha avviato un percorso di trasformazione che punta sempre di più sul digitale.

Leggi tutto
Prossimo articolo