“Cara Italia”, Ghali pubblica la nuova canzone

Ghali, 25 anni a maggio, è un artista italiano di origini tunisine (Kika Press)
5' di lettura

Il rapper italiano di origini tunisine prova a confermare il successo del 2017, quando il suo album è stato il più ascoltato in Italia sulla piattaforma di streaming. Il brano, già noto grazie a uno spot, è una lettera aperta al Paese

Musica e parole sono familiari anche a chi non sia un grande fan di Ghali. Da mesi girano in tv (in versione remix) grazie allo spot di una nota società di telecomunicazioni. Da oggi però “Cara Italia” ha vita propria: il nuovo singolo del rapper è approdato su Spotify.

Lettera aperta all'Italia

Il brano è si rivolge all'Italia, il Paese in cui Ghali è nato da genitori tunisini nel 1993. E hanno la forma di una lettera anche i post diffusi su Instagram e Facebook per annunciare il lancio del singolo sulla piattaforma di musica in streaming: “Cara Italia - scrive Ghali - ti dedico questa canzone che ho ideato tornando dal mio primo viaggio in America. Non hai nulla da invidiare a questi grandi paesi che vediamo nei film”. La canzone parla però di “mente chiusa rimasta al Medioevo” e di persone che “parlano di uno straniero come fosse un alieno”. “Spero però tu non ti offenda per aver risaltato i tuoi difetti”, scrive ancora Ghali sui social. Sappiamo tutti che sei bellissima ma questo serve a migliorarsi. Ho scritto 'sei la mia dolce metà' perché è davvero così. Tu mi hai visto nascere, mi hai cresciuto e ora che in ogni tuo angolo gridano il mio nome come posso voltarti le spalle?”. Ghali affida ai social tre richieste rivolte all'Italia: “Non parlarmi più di confini e non ti parlerò più con diffidenza; non sentirti inferiore e io mi sentirò all’altezza; non vedermi come un nemico e io ti vedrò come una sorella, un’amica, una mamma”.

Chi è Ghali

Ghali (che di cognome fa Amdouni) è nato a Milano e ha vissuto nel quartiere di Baggio, periferia ovest della città. Ha ottenuto grande successo negli ultimi 15 mesi. Il singolo d'esordio, "Ninna nanna", pubblicato su Spotify nell'ottobre 2016, stabilisce il nuovo record italiano di streaming nel primo giorno di pubblicazione. Nel 2017 arriva la conferma: il suo disco, intitolato “Album”, è stato il più ascoltato sulla piattaforma in Italia, precedendo “Divide” di Ed Sheeran e “Gentleman” di Gué Pequeno. Ghali si è fatto strada pubblicando i propri video su YouTube e imponendosi come il volto più noto del "trap", genere nato da una costola dell'hip hop che annovera in Italia artisti come Dark Polo Gang e Sfera Ebbasta.

EPCC: Cattelan e Ghali, karaoke rap

Leggi tutto
Prossimo articolo