Ligabue, Smutniak e Accorsi: a Sky Tg24 per presentare "Made in Italy"

4' di lettura

Il cantante e regista in redazione con i due attori protagonisti per parlare del film in uscita il 25 gennaio. È la terza pellicola per il "Liga" che torna dietro la macchina da presa 16 anni dopo "Da zero a dieci"

"Sono tornato dietro la macchina da presa perché avevo una storia importante da raccontare". Lo ha detto Luciano Ligabue durante una diretta sul canale Facebook di Sky TG24, in occasione della presentazione del suo nuovo film "Made in Italy", in uscita il prossimo 25 gennaio.

Una storia da raccontare

Il cantante emiliano, 57 anni, ha raccontato il suo terzo film da regista, insieme ai due attori protagonisti, Stefano Accorsi e Kasia Smutniak che nella pellicola interpretano i personaggi di Riko e Sara. Ligabue ha spiegato perché ha deciso di ritornare alla regia, vent'anni dopo "Radiofreccia" e sedici dopo "Da zero a dieci". "È una storia per me così importante da farmi affrontare un compito faticoso come quello di dirigere il film". Per il "Liga", la musica è soprattutto divertimento, mai lavoro, quanto piuttosto l'esercizio di una passione. "Fare film richiede, invece, concentrazione, dedizione. Ma tenevo così tanto a questa storia da affrontare la prova, ed è stata una bellissima esperienza".

"Un privilegio lavorare con Luciano"

In questa pellicola, già molto apprezzata dalla critica, Stefano Accorsi ritrova Ligabue a 20anni esatti dall'enorme successo di "Radiofreccia", vincitore di importanti premi italiani per la cinematografia. "Con Luciano ho fatto due film, il suo primo e questo che è il terzo. Per me lavorare con lui è stato un privilegio perché è un film della vita che lui ha deciso di raccontare adesso", ha detto Accorsi. L'attore ha poi ripercorso le suggestioni dell'ambientazione della pellicola: "È stato come entrare in un mondo reale con personaggi autentici. Riko forse potrebbe essere un Freccia sopravvissuto". Sara, la compagna del protagonista, interpretata da Smutniak, è invece l'eroina del film. L'attrice ha raccontato di aver conosciuto tante donne con la forza del suo personaggio. "Per interpretarlo mi sono ispirata a mia madre, mia nonna e alla mia migliore amica che a 19 anni ha scelto di rimanere in Polonia per farsi una famiglia con il ragazzo che aveva conosciuto all'età di 16 anni. Il personaggio è bellissimo, perché racconta la forza di tutte le donne ed è coerente con se stesso", ha detto l'attrice.

Leggi tutto
Prossimo articolo