Manovra, Bonomi: serviva un taglio choc al cuneo fiscale

Economia

Il presidente di Confindustria al termine dell'assemblea a Fermo: "Alla legge di bilancio manca attenzione al lavoro e alla crescita del Paese"

ascolta articolo

"Alla legge di bilancio manca attenzione al lavoro e alla crescita del Paese". Così il presidente di Confindustria Carlo Bonomi, chiudendo i lavori dell'assemblea pubblica di Confindustria Fermo. "Sul cuneo fiscale serviva un intervento choc, mettendo più soldi nelle tasche degli italiani a basso reddito", ha aggiunto. "La proposta di Confindustria era un taglio di 16 miliardi di euro con la riconfigurazione del 4-5% della spesa pubblica", ha sottolineato. Il taglio "doveva andare per 2/3 a favore dei lavoratori e per 1/3 a favore delle imprese, agli italiani con redditi inferiori ai 35 mila euro poteva andare una mensilità di più di 1.200 euro". 

"I prepensionamenti non creano posti di lavoro"

leggi anche

Manovra, Bonomi: flat tax e prepensionamenti bruciano risorse

"Non è vero che i prepensionamenti creano posti di lavoro", ha spiegato il presidente di Confindustria, lanciando un appello alla politica e al governo: "Metteteci nelle condizioni di creare posti di lavoro". Lo ha fatto citando le parole di Papa Francesco - "La miglior forma di distribuzione di ricchezza è creare posti di lavoro" - sottolineando che "invece abbiamo dei provvedimenti che nulla hanno a che fare con il lavoro e con la crescita del Paese".

Economia: I più letti