Lavoro, allarme Confcommercio: "Al Sud l'occupazione delle donne crolla al 33%"

Economia

Secondo l'associazione di categoria è trenta punti indietro rispetto al resto dell'Italia e alla media Ue. Sangalli: "Pnnr importante per dare spinta alla crescita del Meridione"

Confcommercio, in un rapporto sul Sud e il Pnrr redatto dal Centro studi sui dati al 2019, lancia l’allarme sull’occupazione femminile nel Meridione. In ques’area, infatti, il tasso delle donne al lavoro nella fascia 15-64 anni "è precipitato al 33%" contro un tasso del 59,2% al Centro-Nord e del 63% nell'Ue-27, ossia 30 punti indietro al resto dell'Italia e dell'Europa. Nel report dell'associazione si sottolinea che addirittura in Calabria il tasso di occupazione delle donne è sceso dal 31% del 2007 al 30,3%. La partecipazione delle donne al mercato del lavoro nel Mezzogiorno è "assurdamente bassa", afferma l’associazione. 

Il peso della spesa degli stranieri e della transizione demografica

leggi anche

Bonus Sud, come individuare la struttura produttiva

Nel documento, Confcommercio fa emergere anche che, nel Mezzogiorno, “se la sola spesa degli stranieri avesse la stessa incidenza del Nord-ovest nel 2019, il Pil del Sud sarebbe stato più elevato dell'1% circa", aggiungendo che "se raggiungesse la quota del Centro" il Pil meridionale "sarebbe più elevato di quasi 10 miliardi di euro" (+2,5% reale ai prezzi del 2015).  L’associazione fa poi notare come "nel Sud prima della transizione green e tecnologica” serva bisogna quella demografica, sottolineando che la popolazione meridionale "è scesa di 400 mila unità rispetto a 25 anni fa ed è scesa di 600 mila unità negli ultimi 10 anni, da 20,8 milioni del 2007 a 20,3 del 2019". 

Bella: "Per il Meridione il Pnrr è una sfida ancora più cruciale"

leggi anche

Turismo: Garavaglia, Pnnr occasione per premiare eccellenze

"Il successo del Pnrr è un obiettivo sfidante a livello nazionale ma è un obiettivo ancora più sfidante per il Mezzogiorno" perché "il Sud ha ritardi amministrativi, burocratici e produttivi", ha sottolineato il direttore dell'Ufficio studi della Confcommercio, Mariano Bella, durante la presentazione del rapporto sul Sud. Bella ha spiegato che questi ostacoli "o vengono superati e quindi l'efficienza degli investimenti anche nel Mezzogiorno è massima, oppure è lecito porsi un punto interrogativo sulla riuscita e il successo di questo grande progetto collettivo". 

Confcommercio: "Pil nazionale al 3,5-3,7%"

leggi anche

Caro-energia e Omicron, frena la fiducia, galoppa l'inflazione

Confcommercio ha rivisto al ribasso le proprie stime sul Pil per quest'anno: dal 4% stimato a dicembre al 3,5-3,7%. Il dato lo ha anticipato il direttore dell'Ufficio studi della Confederazione, Mariano Bella, durante la presentazione del rapporto sul Sud e il Pnrr, spiegando che nelle prossime settimane arriverà il dato ufficiale. Il Governo al momento prevede per quest'anno una crescita del 4,7%. 

Sangalli: "Pnnr importante spinta a crescita, turismo e Sud"

leggi anche

Covid e viaggi sicuri, che assicurazione fare in caso di annullamento

Anche il presidente di Confcommercio, Carlo Sangalli, sottolineato l'importanza del Pnnr: "La crisi Covid ha indebolito ulteriormente il Mezzogiorno in termini di occupazione, capitale produttivo e reddito. Con il Pnrr è possibile recuperare il terreno perduto attraverso quasi il doppio degli investimenti pubblici che, se indirizzati presto e bene, attireranno anche ingenti risorse private rafforzando la filiera turistica. Solo così potremo assicurare una crescita robusta non solo al Sud ma all'intero Paese". 

Economia: I più letti