Pensione luglio 2021 e quattordicesima, al via i pagamenti: il calendario

Economia

Alcuni percettori, che hanno almeno 64 anni e posseggono i requisiti richiesti, riceveranno anche una somma aggiuntiva che oscilla tra i 336 e i 655 euro. Ecco come si calcola, a chi spetta e il calendario delle erogazioni

Da oggi, venerdì 25 giugno, partono i pagamenti della pensione di luglio 2021, Alcuni percettori, che hanno almeno 64 anni e posseggono i requisiti richiesti, riceveranno anche la quattordicesima mensilità. Si tratta di una somma aggiuntiva che oscilla tra i 336 e i 655 euro. Ecco a chi spetta la quattordicesima mensilità,  come si calcola e quando saranno pagate le pensioni di luglio 2021 secondo il calendario stabilito dall'Inps

A quali pensionati spetta la quattordicesima mensilità a luglio

vedi anche

Reddito e pensione di cittadinanza, le Regioni in cui sono più erogati

La quattordicesima spetta ai pensionati di almeno 64 anni che hanno un reddito complessivo fino a un massimo di 1,5 volte il trattamento minimo annuo del Fondo pensioni lavoratori dipendenti fino al 2016 e fino a 2 volte il trattamento minimo annuo del Fondo lavoratori dipendenti dal 2017. Ad estendere il diritto alla somma aggiuntiva è stata la legge di bilancio del 2017.

A quanto ammonta la quattordicesima mensilità

leggi anche

Pensione anticipata, bocciata Quota 100: ipotesi uscita a 64 anni

L’ammontare della quattordicesima mensilità per i pensionali è fissato dall’Inps, in base agli anni di contributi ed a determinati limiti di reddito. Ai pensionati con assegno fino a 1,5 volte il trattamento minimo (per il 2021 pari a 515.58 euro per 13 mensilità) spetta un importo aggiuntivo pari a: 437 euro, se ex lavoratori dipendenti con almeno 15 anni di contributi versati o ex lavoratori autonomi con almeno 18 anni di contributi; 546 euro, se ex lavoratori dipendenti dai 15 anni ai 25 anni di contribuzione o ex lavoratori autonomi dai 18 ai 28 anni di contribuzione; 655 euro, se ex lavoratori dipendenti con oltre 25 anni di contributi versati o ex lavoratori autonomi con oltre 28 anni di contributi versati. Ai pensionati con assegno fino a 2 volte il trattamento minimo spetta invece una quattordicesima pari a: 336 euro, se ex lavoratori dipendenti con almeno 15 anni di contributi versati o ex lavoratori autonomi con almeno 18 anni di contributi; 420 euro, se ex lavoratori dipendenti dai 15 anni ai 25 anni di contribuzione o ex lavoratori autonomi dai 18 ai 28 anni di contribuzione; 504 euro, se ex lavoratori dipendenti con oltre 25 anni di contributi versati o ex lavoratori autonomi con oltre 28 anni di contributi versati.

Quando saranno pagate le pensioni di luglio e le quattordicesime

vedi anche

Pensioni, Ape sociale 2021: fino al 15 luglio per fare domanda

Come ormai stabilito da mesi, con le disposizioni anti-Covid, per evitare assembramenti negli uffici postali, la quattordicesima e la pensione di luglio 2021 saranno erogate anticipatamente ai pensionati titolari di un conto BancoPosta o Postepay Evolution, oppure di un semplice libretto di risparmio, dal 25 giugno 2021. Nel caso di riscossione allo sportello, Poste Italiane ha scaglionato le presenze dei pensionati in base alle iniziali del cognome del titolare della prestazione, secondo l’ordine alfabetico del cognome: A–B venerdì 25 giugno; C–D sabato 26 giugno; E–K lunedì 28 giugno; L–O martedì 29 giugno; P–R mercoledì 30 giugno; S–Z giovedì 1 luglio.

Economia: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24