Università, è sempre più fuga di cervelli: in 8 anni +41,8%

Economia

Il rapporto della Corte dei Conti: in Italia aumentano i laureati ma al di sotto della media Ocse. Difficoltà nelle materie scientifiche: "Mancano i laureati in discipline Stem (scienze, tecnologia, ingegneria e matematica) e questo incide negativamente sul tasso di occupazione"

Più laureati ma meno rispetto ad altri Paesi Ocse. E, soprattutto, più “cervelli in fuga”. Un fenomeno cresciuto del 41,8% rispetto al 2013. A rivelarlo sono i dati diffusi oggi dalla Corte dei Conti nel Rapporto sul sistema universitario 2021.

Le difficoltà nel mercato del lavoro

La Corte dei Conti riconduce i dati "alle persistenti difficoltà di entrata nel mercato del lavoro”. Ma anche "al fatto che la laurea non offre, come in area Ocse, possibilità d'impiego maggiori rispetto a quelle di chi ha un livello di istruzione inferiore". 

Giudizi alti per le università del Nord

Per capire l'entità della disfatta italiana è importante sapere che lo studio della Corte dei conti ha analizzato ad ampio spettro la vicenda, avendo approfondito aspetti come il finanziamento, la composizione, le modalità di erogazione della didattica, l'offerta formativa e il ranking delle università italiane (98 atenei di cui 67 statali, che comprendono 3 Scuole Superiori e 3 Istituti di alta formazione, nonché 31 Università non statali, di cui 11 telematiche). Il tutto non senza segnalare che l'Anvur, l'Agenzia Nazionale di Valutazione del Sistema Universitario e della Ricerca, ha fatto emergere giudizi di qualità elevati in prevalenza per le università del Nord del Paese rispetto a quelle del Sud e criticità per quelle telematiche.

L’abbandono dell’istruzione

approfondimento

Pnrr, ecco a quanto ammontano investimenti per università e ricerca

Sul fronte dell'abbandono dell'istruzione universitaria dei giovani provenienti da famiglie con redditi bassi, la Corte dei conti punta il dito su "fattori culturali e sociali" ma anche al fatto che "la spesa per gli studi 'terziari', caratterizzata da tasse di iscrizione più elevate rispetto a molti altri Paesi europei, grava quasi per intero sulle famiglie, vista la carenza delle forme di esonero dalle tasse o di prestiti o, comunque, di aiuto economico per gli studenti meritevoli meno abbienti".

Mancano laureati in discipline scientifiche

approfondimento

Migliori università al mondo, Sapienza prima negli studi classici

Tra il tanto che non funziona il rapporto evidenzia "criticità" anche nell'ambito della ricerca scientifica, con particolare attenzione a quella degli atenei: "nel periodo 2016-2019 l'investimento pubblico nella ricerca appare ancora sotto la media europea". Infine una bordata finale: "Mancano i laureati in discipline Stem (scienze, tecnologia, ingegneria e matematica) e questo incide negativamente sul tasso di occupazione". 

Economia: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24