Chi è Alberto Genovese, l'imprenditore accusato per due casi di presunte violenze sessuali

Cronaca
©Ansa

Laureato in Economia, ha diverse esperienze nell'imprenditoria: dopo un'esperienza come consulente in McKinsey e Bain, ha lavorato per 3 anni in eBay e nel 2010 ha fondato Facile.it, che ha ceduto nel 2014. Poi la nascita di Prima Assicurazioni. La Procura di Milano ha chiesto il rinvio a giudizio per due casi di stupro, avvenuti a Milano e Ibiza, nei confronti di due ragazze che sarebbero state stordite con mix di droghe

Alberto Genovese è al centro delle cronache per due casi di presunte violenze sessuali. Nell'ottobre 2021 la Procura di Milano ha chiesto il rinvio a giudizio per l'imprenditore del web 44enne accusato di due presunti stupri, avvenuti tra Milano e Ibiza, nei confronti di due ragazze che sarebbero state stordite con mix di droghe: le vittime sono una 18enne resa incosciente e stuprata il 10 ottobre scorso a Milano nel suo attico di lusso “Terrazza sentimento” e l'altra una 23enne stordita e violentata a luglio del 2020 nell'isola spagnola. L'uomo, fondatore di Facile.it, società che ha ceduto nel 2014, è stato fermato a novembre 2020. Dall'estate di quest'anno è ai domiciliari. Originario di Napoli ma milanese d'adozione, è anche accusato di cessione di stupefacente, sequestro di persona e lesioni. La prima denuncia era partita da un’amica della giovane, anche lei presente alla festa.

Da Facile.it a Prima Assicurazioni

leggi anche

Arresto Alberto Genovese, la 18enne: "Io distrutta, sono sotto choc"

Laureato in economia alla Bocconi, Genovese è conosciuto per essere uno dei fondatori di Facile.it, tra i più noti siti comparatori di assicurazioni, mutui, prestiti, conti correnti, e altro. Dopo un'esperienza come consulente nelle società McKinsey e Bain, successivamente ha lavorato per 3 anni in eBay. La fondazione di Facile.it arriva nel 2010, con l’azienda che cresce fino ad impiegare 350 persone. Genovese ne è poi uscito nel 2014 con la cessione al fondo Oakley, al quale si è affiancato nel 2018 il fondo svedese Eqt. Genovese è diventato poi il numero uno di Prima Assicurazioni, che dopo l’arresto del 2020 ha preso provvedimenti immediati nominando George Ottathycal Kuruvilla, ex General Manager, come presidente e amministratore delegato ad interim dell’azienda.

Il comunicato di Facile.it

Sul ruolo di Genovese nell’azienda, Facile.it ha rilasciato una nota precisando che "in riferimento alle notizie apparse su alcuni media riteniamo corretto precisare che Alberto Genovese ha lasciato Facile.it nel 2014 e non ha oggi alcun ruolo operativo nella nostra azienda", si legge. "Per rispetto di tutte le persone coinvolte nella faccenda, riteniamo che al momento sia corretto non commentare oltre. Ricordiamo che la proprietà di Facile.it è detenuta oggi dal fondo di investimento EQT e dal fondo Oakley".

Le altre esperienze imprenditoriali

leggi anche

Violenza sessuale a Milano, difesa Genovese: “Ancora molte zone ombra”

Dopo l’esperienza con Facile.it, Genovese ha fondato Prima Assicurazioni, agenzia digitale specializzata per polizze Rc auto, moto e furgoni, su cui investono anche Goldman Sachs e Blackstone. Nel 2016 lancia con Francesco Banfi (ex McKinsey) BrumBrum, la prima piattaforma per la vendita online di auto usate, di cui è stato presidente fino a gennaio 2019, senza però mai avere deleghe operative (la società spiega infatti che "Genovese non ha nessun ruolo operativo, né deleghe o poteri di rappresentanza. E, alla luce dei fatti emersi, gli azionisti stanno promuovendo tutte le azioni legali necessarie ed opportune per farlo decadere da qualsiasi carica, anche solo formale, all’interno della società"). Genovese ha inoltre piccole partecipazioni in una decina di piccole società come Abiby, l'e-commerce delle beauty box o Hostess.it, un sito che offre servizio di hostess e modelle. 

La vicenda processuale

leggi anche

Le chat di Genovese: “Ho un range 16/20, è legale, tecnicamente”

Sulle accuse ricevute, per cui la procura milanese ha chiesto il rinvio a giudizio, Genovese si è sempre difeso sostenendo che si trattava di rapporti consensuali estremi con uso di droghe. I pm invece sono convinti che le ragazze erano state drogate ed erano incoscienti. L’uomo deve rispondere di violenza sessuale aggravata, detenzione e cessione di stupefacenti e lesioni per il caso del 10 ottobre dell'anno scorso nel suo attico di lusso. Inoltre deve rispondere dell'accusa di aver stuprato, in quel caso assieme alla fidanzata, una modella a Ibiza il 10 luglio 2020, sempre dopo averle fatto assumere cocaina e ketamina. Per questa vicenda l'imprenditore ha ricevuto una seconda ordinanza di custodia cautelare lo scorso febbraio (che non ha riguardato, però, l'ex fidanzata). La Procura ha stralciato, invece, le contestazioni su presunti abusi denunciati da altre due ragazze e per i quali il gip, non ritenendo credibili le loro versioni, aveva negato l'arresto chiesto dai pm. In questi mesi Genovese ha anche subito un sequestro da 4,3 milioni per reati fiscali. La richiesta di processo, riguarda anche la ex fidanzata di Genovese, indagata in concorso per i presunti abusi avvenuti durante le vacanze estive dell'anno scorso. Il caso passa al gup che dovrà celebrare o l'udienza preliminare o eventualmente il processo in abbreviato qualora Genovese, scelga, come pare probabile, questa seconda strada che prevede un giudizio a porte chiuse, e quindi al riparo dei media, e lo sconto di un terzo della pena in caso di condanna. 

Cronaca: i più letti