Processo Niccolò Ciatti, tribunale spagnolo condanna ceceno per omicidio volontario

Cronaca

Spetterà ora al giudice stabilire l'entità della pena. L'accusa ha chiesto 24 anni di condanna e 9 di libertà vigilata avanzata. Assolto l'altro imputato ceceno Magomadov

ascolta articolo

Il calcio sferrato a Niccolò Ciatti voleva uccidere. È quanto ha stabilito la giuria popolare del Tribunale provinciale di Girona, in Spagna, che ha condannato per omicidio volontario Rassoul Bissoultanov, il cittadino ceceno che partecipò al pestaggio del 22enne toscano morto nell'agosto del 2017 a Lloret del mar.

Pena da stabilire

approfondimento

Omicidio Ciatti: il padre urla “assassino” a uno degli imputati

Le informazioni arrivano da Agnese Usai, legale della famiglia Ciatti. Sarà ora il giudice, in un secondo momento, a stabilire l'entità della pena. L'accusa ha chiesto 24 anni di condanna e 9 di libertà vigilata avanzata. Assolto, invece, l'amico di Bissoultanov, Movsar Magomadov.

La ricostruzione dell’omicidio

Secondo quanto ricostruito dalle indagini della Procura, Bissoultanov, esperto di arti marziali, la notte tra l'11 e il 12 agosto del 2017, sulla pista da ballo della discoteca St Trop, insieme a due connazionali, prese di mira Niccolò Ciatti, che stava trascorrendo con i suoi amici l'ultima serata della vacanza in Costa Brava. Bissoultanov, poco più grande di Niccolò, sferrò un violentissimo calcio alla testa del ragazzo di Scandicci, che non si rialzò più. Morì in ospedale alcune ore dopo.

Il padre Luigi Ciatti: "temo che il killer scappi"

"Ci siamo tolti un peso, ma non siamo ancora soddisfatti": è il commento di Luigi Ciatti  dopo il verdetto di condanna emesso in Spagna per Rassoul Bissoultanov, il killer di suo figlio Niccolò. "Ci spaventa un po' che possa scappare"; ha aggiunto Ciatti, spiegando che l'uomo ha obbligo di firma ed è senza passaporto, ma per adesso non andràin carcere. 

Cronaca: i più letti