Concorso ordinario scuola secondaria, le prove in calendario dal 14 marzo al 13 aprile

Cronaca
©IPA/Fotogramma

Le date sono state pubblicate sul sito del Ministero dell’Istruzione. I test si svolgeranno nella regione per la quale il candidato ha presentato domanda: l’esame è composto da un’unica prova scritta con più quesiti a risposta multipla, seguita da una orale e dalla valutazione dei titoli

ascolta articolo

Le prove per il concorso ordinario finalizzato al reclutamento del personale docente della scuola secondaria di I e II grado si terranno dal 14 marzo al 13 aprile: il calendario è stato pubblicato sul sito del Ministero dell’Istruzione (IL CALENDARIO COMPLETO). I test scritti si svolgeranno nella regione per la quale il candidato ha presentato domanda di partecipazione, nelle sedi individuate dagli Uffici scolastici regionali competenti per territorio. Al momento non sono ancora previste tutte le classi di concorso, della pubblicazione dei successivi calendari sarà dato apposito avviso nella Gazzetta Ufficiale.

Le sedi d’esame

leggi anche

Scuola, cosa sono i ristori educativi e perché se ne parla

L’elenco delle sedi d’esame sarà comunicato dagli Uffici scolastici regionali presso i quali si svolge la prova, almeno quindici giorni prima della data di svolgimento delle prove tramite avviso pubblicato nei rispettivi albi e siti internet. I candidati che non ricevono comunicazione di esclusione dalla procedura sono tenuti a presentarsi per sostenere la prova scritta, muniti di un documento di riconoscimento in corso di validità, del codice fiscale, della ricevuta di versamento del contributo di segreteria e di quanto prescritto dal protocollo di sicurezza, adottato Ministero dell’Istruzione Dipartimento per il sistema educativo di istruzione e di formazione Direzione generale per il personale scolastico con Ordinanza Ministeriale 21 giugno 2021, n. 187, pubblicato sul sito del Ministero, nonché della normativa vigente in materia di Green pass.

La struttura dell’esame

Secondo quanto riportato da varie fonti, l’esame, come previsto dal Decreto Sostegni bis, è composta da un’unica prova scritta con più quesiti a risposta multipla, volti all’accertamento delle conoscenze e competenze del candidato sulla disciplina della classe di concorso o tipologia di posto per la quale partecipa, nonché sull’informatica e sulla lingua inglese. La prova è valutata al massimo 100 punti ed è superata da coloro che conseguono il punteggio minimo di 70 punti. È prevista poi anche una prova orale, seguita infine dalla valutazione dei titoli.

Cronaca: i più letti