Reggio Emilia, banda di bulli smascherata da un video postato sui social

Cronaca

Protagonisti della vicenda, che risale allo scorso 22 gennaio, alcuni ragazzi, individuati dalla Polizia proprio grazie al video pubblicato online. Dieci sono stati denunciati

ascolta articolo

Ancora una volta ingannati dai social. Sono stati smascherati proprio dai video pubblicati in rete alcuni ragazzi di Reggio Emilia che si sono vantati delle proprie scorribande.

L’ accaduto

La banda ha bloccato la porta d'ingresso di un supermercato della città rovistando tra gli scaffali e impedendo ai clienti, per qualche minuto, di entrare e uscire dalla struttura, poi ha bloccato un autobus ad una fermata della città emiliana, riprendendo tutto con un cellulare prima di rilanciare le  immagini su Tik Tok, uno dei social media più amati dai giovani.

La banda di bulli

approfondimento

Usa, le star di TikTok guadagnano più di potenti e top manager

Protagonisti della vicenda che, risale allo scorso 22 gennaio, alcuni ragazzi, individuati dalla Polizia - come riporta la stampa locale di Reggio Emilia - proprio grazie al video pubblicato online e intitolato 'A normal day at the office'. Per quelle gesta 10 giovani sono stati denunciati alla Procura e 13 sono stati sanzionati per violazione delle norme anti-Covid perchè senza mascherine e non distanziati, come richiesto dalle norme anti-contagio.

Il video su Tik -Tok

approfondimento

Belgio, la star di TikTok Luca Itvai uccisa a coltellate

L'analisi del filmato ha permesso di muovere le accuse di violenza privata consumata in un supermercato e di interruzione di pubblico servizio, per  aver costretto l'autista di un autobus del trasporto pubblico a fermarsi. Due dei giovani - scrive la stampa reggiana - avevano già ricevuto un cosiddetto 'Daspo urbano' mentre altri due erano stati ammoniti oralmente dal Questore. Dopo il video, sono stati emessi altri quattro Daspo e altri due ragazzi sono stati ammoniti

Cronaca: i più letti