Maltempo, la Coldiretti lancia l'allarme per la raccolta delle olive

Cronaca

Colpito un settore strategico a livello nazionale come quello delle olive che coinvolge oltre 400 mila aziende agricole specializzate in Italia e conta il maggior numero di oli extravergine a denominazione in Europa 

Gli allagamenti e la pioggia violenta che si stanno abbattendo soprattutto su alcune Regioni del sud (è allerta gialla della protezione Civile in Calabria, Campania, Lazio, Molise, Sicilia e Umbria) stanno impedendo di entrare nei campi per le operazioni di raccolta delle olive a causa di strade di campagna bloccate, muretti crollati e campi impraticabili. A lanciare l’allarme è la Coldiretti che sottolinea quanto sia alto il rischio di vanificare un anno di lavoro.

A rischio un anno di lavoro

approfondimento

Olio extravergine d’oliva, la sostanza che ringiovanisce il cervello

Il maltempo sta colpendo un settore strategico a livello nazionale come quello delle olive che - evidenzia la Coldiretti - coinvolge oltre 400 mila aziende agricole specializzate in Italia e conta il maggior numero di oli extravergine a denominazione in Europa (42 Dop e 7 Igp), con un patrimonio di 250 milioni di piante e 533 varietà di olive, il più vasto tesoro di biodiversità del mondo. In Italia si contano, nel 2021, sei nubifragi al giorno che, a causa della cementificazione e dell'abbandono, mettono a rischio frane e/o alluvioni 7.252 comuni italiani, il 91,3% del totale.

L’ allarme della Coldiretti

approfondimento

Nell’olio d’oliva un alleato contro obesità infantile e fegato grasso

"Siamo di fronte alle conseguenze dei cambiamenti climatici anche in Italia" afferma ancora la Coldiretti, "dove l'eccezionalità degli eventi atmosferici è ormai la norma, con una tendenza alla tropicalizzazione che si manifesta con grandine di maggiori dimensioni, una più elevata frequenza di manifestazioni violente, sfasamenti stagionali, precipitazioni brevi e intense ed il rapido passaggio dal sole al maltempo". Tutto questo compromette anche le coltivazioni nei campi con costi che, in un decennio,  hanno superato i 14 miliardi di euro, tra perdite della produzione agricola nazionale e danni alle strutture e alle infrastrutture nelle campagne.

Cronaca: i più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24