Saman Abbas, sms rivelerebbe la confessione della madre: “Morta e sepolta in Italia”

Cronaca

A riferirlo, con un sms, è stato uno dei più cari amici della giovane, durate una trasmissione televisiva. Intanto continuano le ricerche nel fiume Po del corpo della 18enne pakistana, scomparsa il 30 aprile scorso a Novellara, in provincia di Reggio Emilia

Saman "è morta e sepolta in Italia": lo avrebbe confidato a un amico della 18enne la mamma della ragazza, Nazia Shaheen, che assieme al marito Shabbar Abbas è ritornata in Pakistan dopo che il tribunale di Reggio Emilia ha aperto un fascicolo con l'ipotesi di reato per omicidio premeditato e occultamento di cadavere. Secondo gli inquirenti emiliani, infatti, entrambi i coniugi avrebbero avuto un ruolo nella pianificazione del delitto. Ma nel faldone giudiziario emerge che ad uccidere la ragazza sarebbe stato lo zio, Danish Hashnain, aiutato poi nelle operazioni di seppellitura della salma dai due cugini della ragazza.

Il messaggio

approfondimento

Saman Abbas, il fratello: “Omicidio organizzato da altri due parenti”

Il miglior amico di Saman durante una trasmissione Mediaset avrebbe riferito le parole di Nazia Shaheen, la mamma della ragazza. L'omicidio sarebbe avvenuto perchè Saman non aveva voluto sposarsi in Pakistan con il cugino. Una decisione che aveva preso per lei la famiglia, come quella di non proseguire gli studi dopo la terza media. La giovane avrebbe voluto, invece, iscriversi alle superiori contro il volere del padre.

Cronaca: i più letti