Scuola, ipotesi riapertura dopo Pasqua. Ministro Bianchi: "Lavoriamo giorno e notte"

Cronaca
©Getty

Il titolare del dicastero dell'Istruzione ha chiesto, anche in sede di Consiglio dei ministri, che gli istituti di formazione siano i primi a riaprire in condizioni di sicurezza, "a partire dai più piccoli che devono essere i primi a poter tornare"

"Lavoriamo giorno e notte per poter riaprire". Così il ministro dell'Istruzione, Patrizio Bianchi, incontrando Anci e Upi in videoconferenza, ha parlato della possibilità di tornare alle lezioni in presenza a scuola. Il ministro ha ricordato di aver chiesto, anche in sede di Consiglio dei ministri, che gli istituti di formazione siano i primi a riaprire in condizioni di sicurezza, "a partire dai più piccoli che devono essere i primi a poter tornare".

Le ipotesi per il ritorno a scuola dopo Pasqua

leggi anche

Scuola, Dad e ipotesi riaperture anche in zona rossa: cosa sappiamo

L'orientamento sarebbe quello di riaprire le scuole e di far tornare in presenza gli studenti, non solo nella fascia da 0 a 6 anni, ma anche quelli fino alla prima media. A prevalere è l'obiettivo del rientro in classe dopo le festività di Pasqua e dopo il 6 aprile. Secondo quanto apprende l'Agi, al ministero dell'Istruzione si lavora su questo fronte tenendo sempre sotto controllo l'andamento dei contagi perché, viene ribadito a più riprese, la situazione è ancora troppo incerta e la prudenza resta la parola chiave. Alla scadenza del Dpcm resterà la suddivisione delle Regioni in colori a seconda del grado di rischio e gli istituti scolastici di ogni ordine e grado continueranno a restare chiusi nelle zone rosse. Ma potrebbero riaprire in zona arancione, gialla e bianca. Fonti qualificate hanno spiegato che resterà il limite dei 250 casi settimanali ogni 100mila abitanti come soglia per far scattare in automatico la chiusura delle scuole.

Si spera nello stop alla Dad nel mese di maggio

leggi anche

Scuola, ricerca: lezioni in presenza non spingono la curva dei contagi

Per le Regioni rimarrà la possibilità di intervenire con misure più restrittive, così come già precedentemente avvenuto nei casi della Campania o della Puglia, dove i rispettivi governatori hanno optato per la Dad per tutti gli studenti, in via cautelativa, quando i dati del contagio nel territorio sono stati considerati allarmanti. L'idea sarebbe quella di uscire con prudenza da una situazione epidemiologica ancora instabile. Per abbandonare la Dad, si spera in modo definitivo, si confida nel mese di maggio in cui le temperature più alte ma anche la campagna vaccinale potrebbero portare più Regioni in zona gialla e questo potrebbe restituire le lezioni in presenza ai ragazzi. L'auspicio è che almeno metà della popolazione scolastica torni in classe, in vista anche degli esami di terza media e di maturità che si terranno a giugno. Esami che da ordinanza ministeriale sono previsti in presenza.

Cronaca: i più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24