Coronavirus, anestesisti: “Malati ricoverati adesso non meno gravi rispetto a marzo"

Cronaca

Il presidente nazionale dell’associazione anestesisti rianimatori ospedalieri italiani: "Non ci convince quanto detto da alcuni che il virus sia diventato meno aggressivo. La curva epidemica sta risalendo e anche i casi in terapia intensiva. Per fortuna siamo lontani dal livello di allarme rosso, grazie al contenimento sociale"

"I malati di Covid-19 che vengono ricoverati in questi reparti non sono meno gravi di quelli arrivati a marzo o aprile". A dirlo è Alessandro Vergallo, presidente nazionale di Aaroi-Emac, associazione anestesisti rianimatori ospedalieri italiani. (CORONAVIRUS, AGGIORNAMENTI LIVE - SPECIALE - LA SITUAZIONE IN ITALIA CON MAPPE E GRAFICI)

"Lontani da allarme grazie a contenimento sociale"

vedi anche

Coronavirus Italia, ecco quali sono i nuovi focolai di Covid-19

"Non ci convince quanto detto da alcuni in questi mesi che il virus sia diventato meno aggressivo. La curva epidemica sta risalendo - continua Vergallo - così come i casi in terapia intensiva, che hanno un'età media più bassa”. Secondo il presidente dell’associazione di anestesisti rianimatori, soltanto il rispetto delle regole anti-contagio fa sì che la situazione sia diversa da quella della fase più emergenziale vissuta nel nostro Paese. “Per fortuna - rileva Vergallo - siamo lontani dal livello di allarme rosso dei mesi di marzo e aprile, grazie al contenimento sociale”.

Cronaca: i più letti