Ferragosto, Castiglione della Pescaia e Viareggio vietano gavettoni contro contagi Covid

Cronaca
©Ansa

No agli scherzi con palloncini e acqua nelle due località balneari toscane. Lo hanno stabilito i sindaci con ordinanze che hanno anche l'obiettivo di tutelare la quiete pubblica. Multe a chi non rispetta i provvedimenti

Ferragosto col divieto di gavettoni a Castiglione della Pescaia, in provincia di Grosseto, e a Viareggio, in provincia di Lucca. I provvedimenti nascono sia per tutelare la quiete pubblica, sia per evitare contagi da coronavirus (AGGIORNAMENTI IN DIRETTA – LO SPECIALE). A stabilire i divieti, con un’ordinanza, i sindaci della due località balneari toscane.

Le motivazioni del provvedimento

vedi anche

Coronavirus Italia, quali sono i nuovi focolai di Covid-19. FOTO

A Castiglione della Pescaia, il primo cittadino Giancarlo Farnetani vuole evitare, come si legge nell’atto, "il 'malcostume' di cimentarsi in giochi estivi consistenti nel getto d’acqua o di palloncini contenenti acqua o altri liquidi”. Il provvedimento è stato adottato anche “allo scopo di evitare il diffondersi del Covid-19”.

Multe da 50 a 500 euro a chi viola divieto

vedi anche

Coronavirus, vertice governo-Regioni: le possibili nuove misure. FOTO

Il provvedimento firmato dal sindaco della cittadina balneare specifica che la violazione dei divieti contenuti nell’ordinanza comporta l’applicazione della sanzione amministrativa pecuniaria che va da 50 a 500 euro.

Gavettoni vietati anche a Viareggio

Provvedimento simile anche a Viareggio. Un’ordinanza del sindaco Giorgio Del Ghingaro vieta i gavettoni per l'intera giornata di Ferragosto. Con l’atto si fa “assoluto divieto su tutto il territorio comunale, nelle spiagge, in aree pubbliche o aperte al pubblico, in occasione della festività di Ferragosto di porre in essere giochi e/o scherzi consistenti nel lancio di 'gavettoni', consistente nel getto d'acqua o di palloncini contenenti acqua o altri liquidi”. Il divieto è stato deciso ritenendo che "i comportamenti assunti nell'azione del lancio dei 'gavettoni' potrebbero aumentare i rischi di contagio legati al mancato rispetto del distanziamento sociale previsto per attenuare il rischio di diffusione del virus Covid-19". Inoltre, "sussiste l'interesse pubblico all'emanazione di un provvedimento idoneo a ricondurre l'utilizzo di spazi pubblici, aperti al pubblico o quelli privati alle regole della civile convivenza e alla prevenzione della salute dei singoli cittadini, impedendo situazioni favorenti la diffusione di patologie derivanti da agenti virali trasmissibili e rendere più efficace l'azione delle Forze dell'Ordine". La violazione del divieto comporta una sanzione amministrativa di 80 euro oltre alla denuncia all'autorità giudiziaria per violazione dell'articolo 650 del codice penale.

Cronaca: i più letti