Maltempo, Coldiretti: pioggia benvenuta, ma è allarme per grandine e freddo

Cronaca

L’inverno è stato particolarmente avaro di precipitazioni con un -80% di piogge rispetto alla media. Ma ora, Coldiretti lancia l’allarme: la grandine e il brusco calo delle temperature rischiano di rovinare le fioriture anticipate dei frutteti

Siccità e caldo anomalo hanno caratterizzato i mesi di gennaio e febbraio. La pioggia è quindi la benvenuta nelle campagne per non lasciare l'Italia a secco in un 2020 segnato fino ad ora dal -80% precipitazioni e una temperatura superiore di 1,87 gradi la media storica. Coldiretti però avverte che, per portare benefici, la pioggia deve cadere in modo costante e durare nel tempo, mentre i forti temporali, soprattutto se si manifestano con precipitazioni intense, rischiano di provocare danni.

Preoccupazione per le fioriture anticipate

In caso di forti piogge i terreni non riescono ad assorbire l'acqua che cade violentemente e tende a provocare frane e smottamenti. A preoccupare, inoltre, è anche la presenza di grandine e di un brusco abbassamento delle temperature. Il gelo potrebbe compromettere le fioriture dei frutteti anticipate in tutta Italia dal clima anomalo delgli ultimi mesi.

Cronaca: i più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24

Fai login per ottenere il meglio subito.

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.