Firenze, autista di un camion danneggia Corridoio Vasariano e fugge

Cronaca

È accaduto all’altezza di Ponte Vecchio. Individuata, grazie alle immagini delle telecamere della zona, la ditta proprietaria del mezzo pesante. Il direttore delle Gallerie degli Uffizi, Eike Schmidt: “Il danno è notevole”

Un camion è finito contro una colonna del Corridoio Vasariano all'altezza di Ponte Vecchio, a Firenze, provocando seri danni e poi è fuggito. È successo intorno alle 7, il mezzo pesante ricercato dalla polizia e dai vigili urbani, che hanno visionato le immagini di tutte le telecamere della zona, è già stato individuato. Secondo il direttore delle Gallerie degli Uffizi, Eike Schmidt, "forse è il caso di ripensare anche all'accesso delle auto nella zona". Il Corridoio Vasariano è un percorso sopraelevato che collega Palazzo Vecchio con Palazzo Pitti passando per gli Uffizi e sopra il Ponte Vecchio.

La dinamica

Proprio sopra il pilastro in piazza del Pesce, all'angolo con Ponte Vecchio, c'è una delle telecamere di videosorveglianza del Comune che ha registrato l'impatto. Secondo la dinamica ricostruita dai vigili urbani, anche grazie alle immagini, un grosso camion addetto alle consegne intorno alle sette ha scaricato merce in via Por Santa Maria, ha poi proseguito e arrivato in piazza del Pesce, ha fatto inversione di marcia. Durate questa manovra avrebbe urtato la colonna per poi allontanarsi verso piazza Signoria.  Il camion appartiene a una ditta con sede legale a Caserta: dopo l'individuazione della ditta proprietaria del mezzo, ora verrà convocato il legale rappresentante per l'esatta identificazione del conducente e la contestazione di tutti gli illeciti del caso. Probabile che l'autista venga denunciato per danneggiamento.

Il direttore degli Uffizi: "Danni importanti"

"Il danno è importante, sicuramente alcune decine di migliaia di euro", ha detto il direttore delle Gallerie degli Uffizi Eike Schmidt. "Nell'impatto si è spaccata la pietra serena che è alla base ma dal primo sopralluogo sembra che la struttura interna della colonna non abbia subito conseguenze. Ora dobbiamo prima di tutto mettere in sicurezza il luogo. Di certo chi era alla guida del mezzo non può non essersi accorto di cosa è successo", ha aggiunto Schmidt che subito si è recato sul posto insieme ai suoi tecnici. 

Cronaca: i più letti