Crac Popolare di Vicenza, Zonin e altri 5 rinviati a giudizio

Cronaca
gianni-zonin-ansa

Per il dissesto, oltre all’ex presidente, a processo anche i cinque ex amministratori. A giudizio anche la stessa Banca, in qualità di responsabile civile. Ipotesi di reato: aggiotaggio, ostacolo alle autorità di vigilanza, falso in prospetto informativo

Per il dissesto della Banca popolare di Vicenza sono state rinviate a giudizio sei persone, tra cui l’ex presidente Gianni Zonin. Lo ha deciso il giudice per l'udienza preliminare Roberto Venditti.

Chi sono le persone rinviate a giudizio

Le persone rinviate a giudizio, oltre a Gianni Zonin, sono gli ex amministratori Giuseppe Zigliotto, Emanuele Giustini, Andrea Piazzetta, Paolo Marin e Massimiliano Pellegrini. Rinviato a giudizio anche lo stesso istituto di credito, in qualità di responsabile civile. L'ipotesi di reato, formulata dai pubblici ministeri Gianni Pipeschi e Luigi Salvadori, è di aggiotaggio, ostacolo alle autorità di vigilanza e falso in prospetto informativo. Tra gli imputati non c’è l'ex direttore generale Samuele Sorato, la cui posizione è stata stralciata fino a dicembre, per gravi motivi di salute.

Il processo inizia il primo dicembre

Il processo si aprirà il primo dicembre. Sono già state accolte 350 costituzioni di parte civile. Per le prime udienze del processo, poi, se ne attendono altre 150 circa, tra cui lo stesso Comune di Vicenza.

Cronaca: i più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24