Stadio Roma, Parnasi scarcerato: va ai domiciliari

Cronaca
Foto d'archivio Ansa
parnasi_ansa

L'imprenditore è detenuto dal 13 giugno. La scelta del gip è legata all'ultimo interrogatorio durante il quale l'indagato avrebbe rilasciato dichiarazioni che hanno attenuato le probabilità di inquinamento probatorio

Arresti domiciliari per il costruttore Luca Parnasi, coinvolto nell’inchiesta sul nuovo stadio che dovrebbe sorgere a Roma, nella zona di Tor di Valle (I PROTAGONISTI). È questa la decisione presa dal gip di Roma, dopo un’istanza presentata dai difensori. La scelta, nello specifico, è legata all'ultimo interrogatorio durante il quale l'indagato, in base a quanto si apprende, avrebbe rilasciato dichiarazioni che hanno attenuato le probabilità di inquinamento probatorio. 

Parnasi e l'inchiesta sullo stadio di Roma

Quella di Parnasi è una delle figure chiave dell'inchiesta sul nuovo stadio della Capitale. È detenuto dal 13 giugno con l'accusa di aver creato un sistema corruttivo 'trasversale' a Roma. Il 12 luglio scorso, la Cassazione aveva rigettato il ricorso della difesa che chiedeva l'annullamento dell'ordinanza di custodia cautelare per l'imprenditore.

Cronaca: i più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24