La videolettera di Riccardo Bocca a Michaela Biancofiore

3' di lettura

La deputata di Forza Italia, in piena crisi politica, aveva espresso pareri negativi sull'ipotesi di votare a luglio. Perché il voto in estate avrebbe consegnato "la vittoria ai 5 stelle dato che al Sud non si possono permettere di andare in vacanza"
 

La crescita dell'Italia a due velocità, con Nord e Sud sono sempre più distanti tra loro, è stato il tema al centro della nuova puntata di "Hashtag24, l'attualità condivisa". La trasmissione, ideata e condotta dal vicedirettore di Sky TG24, Riccardo Bocca, è trasmessa anche in diretta streaming su SkyTG24.it. Ospiti della decima puntata: il sindaco di Palermo Leoluca Orlando, la giornalista e scrittrice Lia Celi e il direttore della Fondazione Adapt, Francesco Seghezzi. La videolettera è stata inviata a Michaela Biancofiore, deputata di Forza Italia. 

La videolettera di Riccardo Bocca

Carissima onorevole Michaela Biancofiore, le invio questa videolettera perché lei è riuscita nel non facile compito di umiliare con poche parole il Meridione del nostro Paese.

Di recente, infatti, quando nel mezzo del delirio politico si era affacciata l’ipotesi di andare al voto a luglio, ha dichiarato che avrebbe vinto il Movimento 5 Stelle perché al Sud “non si possono permettere di andare in vacanza”. In seguito - va detto - ha provato a correggere il tiro, sostenendo di essere stata strumentalizzata e di avere pure genitori pugliesi emigrati al nord. Ma ormai il danno era fatto: perché a colpire non è stato il dato dell’analisi politica, ma il modo in cui l’ha espresso.

A prevalere nella sua dichiarazione è stato infatti il senso di distanza da una popolazione e una terra - il sud - che dall’unità d’Italia in avanti ha sempre patito danni morali e strutturali da parte di coloro che avrebbero dovuto agevolarne lo sviluppo. Certo poi vanno considerate le responsabilità di chi, vivendo in Meridione, ha trascurato e a volte massacrato il suo stesso territorio, ma questo è un altro capitolo. 

Da parte sua, cara onorevole Biancofiore, lei ha contribuito a ricordare quanto l’approssimazione in politica sia un’abitudine. Che poi è la prima ragione del risentimento espresso alle ultime elezioni nelle regioni del nostro Sud. Ne è consapevole?

 

Leggi tutto
Prossimo articolo