Terzigno, suicida l'uomo che ha sparato alla moglie davanti a scuola

2' di lettura

Il corpo del 36enne è stato trovato a poca distanza dall’istituto scolastico della figlia, dove ieri ha freddato Immacolata. L'uomo si è tolto la vita con la stessa arma usata per l'omicidio. Aveva lasciato alcune lettere in cui minacciava di farsi giustizia da sé

Le forze dell’ordine hanno trovato il cadavere del marito della donna uccisa ieri davanti alla scuola della figlia, a Terzigno. Il corpo dell’uomo, 36 anni, è stato rinvenuto a poca distanza dall’istituto scolastico elementare dove si è consumato l’omicidio. L'uomo si sarebbe suicidato con la stessa arma con cui ieri mattina ha ammazzato la moglie, dalla quale si stava separando. Il cadavere è stato ritrovato durante le ricerche dei Carabinieri, in un rudere circondato dalla vegetazione.

L’omicidio a Terzigno

La donna, 31 anni, è stata uccisa ieri dopo aver accompagnato la figlia a scuola. Testimoni l'hanno vista discutere con il marito. L'uomo si era allontanato, in sella ad uno scooter, subito dopo aver ucciso la moglie con un colpo di pistola. Il coniuge avrebbe lasciato delle lettera sulle sue intenzioni, in cui minacciava di "farsi giustizia da sé", poi si erano perse le sue tracce fino al ritrovamento del corpo avvenuto oggi. 

I due si stavano separando

La coppia, secondo le prime informazioni,  era da tempo in fase di separazione e non viveva più insieme da alcune settimane. Di recente i due avrebbero discusso e durante il confronto ci sarebbero stati calci, spintoni e insulti. Alla lite avrebbe preso parte anche la suocera della vittima, madre dell'uomo. La 31enne aveva raccontato tutto in una querela presentata ai carabinieri, a cui era seguita una controquerela avanzata dalla suocera pochi giorni dopo.

Data ultima modifica 20 marzo 2018 ore 09:44

Leggi tutto
Prossimo articolo