Ryanair, media belgi: piloti rifiutano bonus dell'azienda

Cronaca
Getty_Images_Ryanair

Il no all'offerta proposta dalla compagnia irlandese arriverebbe insieme a un ultimatum per l'azienda: accettare le richieste dei piloti entro il prossimo venerdì. Queste includono contratti di assunzione locali e un miglioramento delle condizioni di lavoro

Secondo la stampa belga, i piloti della Ryanair avrebbero respinto la proposta della compagnia di un bonus in cambio della rinuncia a 10 giorni di ferie. Avrebbero inoltre dato un ultimatum all’azienda: accettare le loro richieste entro venerdì mattina, il 22 settembre, alle 10. Queste includono contratti di assunzione locali e non più irlandesi dal 1 gennaio 2018 e un miglioramento delle condizioni di lavoro.

Il bonus aziendale

I media belgi avrebbero preso visione di una lettera scritta dai rappresentanti dei piloti delle 17 basi europee di Ryanair in cui si annuncia la volontà di respingere l’offerta. Il bonus aziendale prevedrebbe dai 6 ai 10mila euro in cambio della rinuncia a 10 giorni di ferie e dell'impegno a restare almeno ancora un anno nella compagnia. 

Le richieste dei piloti

Oltre al rifiuto del bonus, nella lettera i piloti avrebbero rilanciato le proprie richieste. Solo se la compagnia irlandese farà loro contratti locali a partire dall'anno nuovo - quindi con le regole e i diritti dei Paesi dove i piloti sono di base, a differenza di ora in cui sono assunti con contratti di diritto irlandese - e con un miglioramento delle condizioni di lavoro, i piloti si impegneranno a far finire la crisi e a minimizzare le cancellazioni dei voli nei prossimi giorni. Se la risposta dell'azienda dovesse essere negativa, secondo il quotidiano La Libre Belgique, potrebbero cominciare azioni di vario genere. Tra queste, l'applicazione letterale del contratto di lavoro da parte del personale, con lo stop alla reperibilità e all'arrivo anticipato rispetto agli orari stabiliti, portando a ulteriori ritardi e disagi.

Cronaca: i più letti