Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video

Porti sardi,47,7mln t. di merci nel 2018

@ANSA
1' di lettura

Report Intesa Sanpaolo, nel Ro-Ro vale il 10% del totale Italia

Il sistema dei porti sardi (Cagliari, Olbia, Porto Torres, Oristano, Golfo Aranci, Porto Vesme e Santa Teresa di Gallura) nel 2018 ha gestito 47,7 milioni di tonnellate di merci. E rappresenta il 10% del totale nazionale. Nel segmento del Ro-Ro (Roll-on Roll-off, vale a dire navi specializzate nel trasporto di autovetture e mezzi pesanti gommati) gli scali sardi sono tra le eccellenze italiane: con 10,6 milioni di tonnellate l'isola rappresenta il 10% del totale nazionale. Sono alcuni dati emersi nella presentazione del Rapporto annuale "Italian Maritime Economy 2019" di Srm, il Centro Studi e Ricerche per il Mezzogiorno di Intesa Sanpaolo.

I traffici più importanti del porto di Cagliari sono le rinfuse (il 79%) e il Ro-Ro (l'11% pari a 4,1 milioni di tonnellate). Il capoluogo, con 36 milioni di tonnellate di merci, è il 4° porto in Italia. È il 2° porto Oil in Italia: i prodotti di questo settore rappresentano il 77% del totale delle merci gestite dallo scalo. Lo scalo - spiega il report - mostra un momento di difficoltà sul settore dei container causato da alcuni vettori che hanno dirottato il traffico su altri scali del Mediterraneo. L'Autorità di Sistema sta avviando una sollecitazione di mercato a livello internazionale per individuare un nuovo concessionario. Per numero di passeggeri, i porti sardi rappresentano il 12% del totale Italia con 6,3 milioni di persone. Il porto di Cagliari ha gestito 706 mila passeggeri (-2,7% sul 2017).

"I nostri studi evidenziano un Mediterraneo sempre dinamico- sottolinea Massimo Deandreis direttore generale Srm - Resta da affrontare per il nostro Paese il tema della competitività portuale poiché ormai tutti gli scali dell'area Med stanno effettuando investimenti in infrastrutture e piattaforme logistiche". Pierluigi Monceri, direttore regionale Lazio-Sardegna-Sicilia di Intesa Sanpaolo, indica la rotta: "Le crociere e la nautica da diporto hanno un notevole impatto moltiplicativo sull'economia di un territorio: vanno sostenute e intraprese strategie finalizzate ad avere traffici durante tutto l'anno. Occorre puntare ad accogliere investimenti logistici e sulla Zona Economica Speciale".
   

Data ultima modifica 30 settembre 2019 ore 14:23

Leggi tutto
Prossimo articolo
Segui Sky TG24 sui social:

SCELTI PER TE

    Aggiungi Sky TG24 al tuo Homescreen

    Clicca l'icona e seleziona

    "Aggiungi a Schermata Home"

    Aggiungi Sky TG24 al tuo Homescreen

    Clicca l'icona e seleziona

    "Aggiungi a Home"