Cento criteri per scovare i manipolatori

Sardegna
892fa9ced7075bc5604f9c886f0f3a4a

Roberta Bruzzone presenta libro e parla di due casi di cronaca

Una check list con cento indicatori di comportamenti tipici dei manipolatori. C'è questo e altro in "Io non ci sto più. Consigli pratici per riconoscere un manipolatore affettivo e liberarsene" (De Agostini edizioni), ultimo libro della criminologa e psicologa forense Roberta Bruzzone. "Ho provato a dare delle informazioni concrete per capire come smascherare i manipolatori che si nascondono in mezzo a noi, a vario titolo e livello - ha spiegato l'autrice, a Cagliari per la presentazione del saggio - È un libro che si rivolge a tutti soprattutto a quelli che pensano di non averne bisogno, perché nessuno di noi può essere immune dall'imbattersi in soggetti di questo tipo". Da criminologa investigativa, Bruzzone ha analizzato la scena del crimine nei casi più noti di cronaca nera degli ultimi anni.

E sul delitto del 18enne Manuel Careddu ha detto: "l'aspetto che aggrava la situazione è che la vittima viene aggredita perché ritenuta in qualche modo non adeguata alle aspettative del branco. O perché si ritiene che le abbia tradite. È un aspetto tremendo: sono logiche criminali solide e piuttosto evidenti, ma manifestate da ragazzi giovanissimi. L'elemento che preoccupa è l'evoluzione della personalità di questi ragazzi, che a questa età sono in grado di mettere in atto condotte criminali tanto lucide e consapevoli".

Roberta Bruzzone è anche consulente tecnica nel caso di Valentina Pitzalis, la giovane rimasta sfigurata nel rogo della sua casa a Bacu Abis, nel Sulcis, nel 2011, e ora accusata dell'omicidio del marito. "Una vicenda unica nel suo genere ed estremamente controversa per il modo in cui è tornata in un'aula di giustizia - ha sottolineato - Abbiamo un'ultima udienza nell'ambito dell'incidente probatorio Il 23 settembre prossimo, dopodiché, all'esito di tutte le informazioni acquisite e in seguito anche a una serie di attività difensive che stiamo svolgendo, faremo le nostre considerazioni finali, che rivolgeremo alla Procura".
   

Cagliari: I più letti