Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video

Da comunità a maratona, riscatto ragazzi

@ANSA
1' di lettura

Dianova, due in gara a Milano. C'è anche corso di archeologia

di Stefano Ambu

Una corsa contro il tempo. E un'altra indietro nel tempo. La prima la faranno, sfidando il cronometro e la fatica, due ospiti, di 38 e 42 anni, della comunità Dianova di Ortacesus alla Marathon Milano: insieme a un operatore e un'operatrice proveranno, con staffette da circa dieci chilometri, a tagliare il traguardo della prestigiosa gara di domenica 7 aprile nel capoluogo lombardo. Sono pronti: il loro programma di recupero (la comunità si occupa di dipendenze da alcool e droga) prevede ogni giorno scarpe da ginnastica ai piedi e sgambate nelle campagne di Ortacesus.

La corsa indietro nel tempo riguarda, invece, l'innovativo percorso iniziato dai ragazzi di Dianova, struttura da 39 posti: tutti a lezione dall'archeologo, Nicola Dessì, tra nuraghi, tomba dei giganti e domus de Janas, necropoli per imparare a rispettare e conservare le testimonianze del passato. Un modo per prendersi cura di stessi valorizzando quello che c'è intorno. "Ma può essere un modo per costruirsi un futuro - spiega all'ANSA il presidente Pierangelo Puppo - una volta terminato il percorso con possibili sbocchi lavorativi come guide turistiche. Per il momento stiamo offrendo delle lezioni teoriche. Ma stiamo predisponendo un progetto da sottoporre alla Soprintendenza per avere le autorizzazioni e consentire ai ragazzi di ripulire i siti e renderli accessibili. I ragazzi sono molto motivati e contenti".

Per quanto riguarda la partecipazione alla corsa, Dianova sarà alla staffetta benefica di Milano Marathon per raccogliere fondi a favore della campagna "E dopo di noi... Un ponte verso l'autonomia" avviata nel 2018, che prevede la realizzazione di diversi progetti destinati allo svolgimento di attività come laboratori di formazione professionale, tirocini lavorativi e l'avvio di nuove strutture protette. "La maratona - spiega Puppo - è un po' una metafora di quello che i ragazzi stanno facendo". Gli ospiti di Ortacesus potranno non solo contribuire alla realizzazione di questa campagna, ma anche vivere una giornata all'insegna di integrazione e divertimento in cui sentirsi parte di un gruppo, il popolo della Milano Marathon, senza differenze e pregiudizi.

"È la mia prima esperienza lontano dalla mia terra la Sardegna - racconta all'ANSA uno dei runner - sarà un'esperienza nuova per me: bellissimo andare a Milano, nella città della moda, visitare nuovi posti e conoscere nuove persone e visitare le bellezze del posto come il Duomo. È la prima volta che parto in aereo. Partecipare mi fa sentire emozionato e orgoglioso degli obiettivi che ho portato avanti dopo lungo sacrificio per essere una persona migliore e più responsabile per me stesso e per chi ha fiducia in me". Il compagno di corsa non vede l'ora: "Essere stato scelto per la Milano Marathon - racconta - mi ha gratificato tanto perché mi sto preparando al meglio non solo negli ultimi mesi ma tutto l'anno. Ci ho messo impegno e costanza ed è un'attività che voglio continuare anche fuori da questo contesto. Sono sicuro che sarà una bella esperienza che in ogni caso ricorderò e racconterò".

Data ultima modifica 25 marzo 2019 ore 12:17

Leggi tutto
Prossimo articolo

SCELTI PER TE

    Aggiungi Sky TG24 al tuo Homescreen

    Clicca l'icona e seleziona

    "Aggiungi a Schermata Home"

    Aggiungi Sky TG24 al tuo Homescreen

    Clicca l'icona e seleziona

    "Aggiungi a Home"