Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video

Femminicidio: via tomba marito-mandante

1' di lettura

A Gavoi spostata la salma di Dina Dore, uccisa nel 2008

La salma di Dina Dore, la mamma di Gavoi uccisa il 26 marzo del 2008 a soli 37 anni, ora riposa nella tomba di famiglia, vicino a suo padre Pietro, nel cimitero del paese barbaricino. Dopo 11 anni, la bara è stata spostata dal sepolcro della famiglia del marito di Dina, Francesco Rocca, il dentista che sta scontando in via definitiva l'ergastolo come mandante dell'omicidio della moglie, mentre un giovane del paese è stato condannato come autore materiale del delitto.

Una traslazione voluta fortemente dai familiari di Dina e che è stata possibile solo dopo la sentenza della Cassazione nei confronti di Rocca. Si chiude così un percorso doloroso per la famiglia Dore. A Graziella, sorella della vittima, è stata affidata la piccola Elisabetta che oggi ha 11 anni. Ed è stata Graziella a battersi come una leonessa per far luce sull'omicidio della sorella.

Dina Dore venne uccisa nel garage della casa familiare di Gavoi la sera del 26 marzo del 2008. Rocca per anni si è professato innocente. La svolta è arrivata cinque dopo il delitto con il racconto di un supertestimone, Stefano Lai: è stato lui a svelare agli inquirenti la confidenza di Pierpaolo Contu - minorenne all'epoca dei fatti e condannato con sentenza definitiva a 16 anni come esecutore materiale del delitto - che gli aveva confessato l'omicidio su commissione, e dietro una ricompensa di denaro, indicando Rocca come mandante. Il dentista, secondo le carte dei processi, ha ucciso la moglie inscenando un sequestro di persona della donna, per rifarsi una vita con l'amante senza conseguenze avere economiche pesanti. Il 28 febbraio 2013 scattano gli arresti di Rocca e del minorenne. Il marito viene condannato all'ergastolo in primo grado e in appello, nel settembre scorso è arrivata anche la sentenza definitiva della Cassazione.

LA SORELLA DI DINA "ORA RIPOSA IN PACE" - "Spostare la salma di Dina nella tomba di famiglia è stato un desiderio di mia madre, noi figli l'abbiamo accontentata. Adesso finalmente mia sorella può riposare in pace". Sono le parole di Graziella Dore, sorella della donna uccisa il 26 marzo 2008 a Gavoi, la cui salma è stata traslata dalla tomba di famiglia di Francesco Rocca - il marito di Dina, condannato all'ergastolo come mandante del delitto - alla tomba della famiglia dei Dore.

"La giustizia ha fatto il suo - spiega ancora Graziella - nonostante noi familiari siamo convinti che ci siano altri responsabili del delitto e altre persone che sanno ma non parlano. Ora, dopo tante vicissitudini e anni di sofferenza si chiude un capitolo. Un momento di pace e serenità era giusto che arrivasse anche in rispetto della memoria di Dina, che merita davvero questa pace".

Data ultima modifica 25 febbraio 2019 ore 17:35

Leggi tutto
Prossimo articolo
Segui Sky TG24 sui social:

SCELTI PER TE

    Aggiungi Sky TG24 al tuo Homescreen

    Clicca l'icona e seleziona

    "Aggiungi a Schermata Home"

    Aggiungi Sky TG24 al tuo Homescreen

    Clicca l'icona e seleziona

    "Aggiungi a Home"