Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video

Tra leggende e verità scientifica: cosa sono i giorni della merla

4' di lettura

Per secolare tradizione, gli ultimi giorni di gennaio e i primi di febbraio sono considerati i più freddi dell'anno. Tutto comincia da un'antica storia, che oggi i dati sembrano smentire

Il mese di gennaio è considerato uno dei più freddi dell'anno: non si tratta solo di credenze popolari o percezioni fisiologiche personali, ma anche di statistiche meteorologiche, basate sulle temperature registrate nel corso del tempo. Questi stessi dati dimostrano che anche all'interno di questi freddi trenta giorni, esiste una piccola parentesi di clima più mite, destinata però ad esaurirsi nel giro di qualche giorno, facendo nuovamente precipitare le temperature vicino alle medie invernali. Ciò succede solitamente verso la fine di gennaio, poco prima dei cosiddetti "giorni della merla".

Quali sono i giorni della merla

I giorni della merla sono tradizionalmente considerati i più freddi dell'anno, motivo per cui esiste un disaccordo nella scelta delle date. Alcune scuole di pensiero sostengono che combacino con gli ultimi tre giorni di gennaio (29, 30 e 31), c'è chi invece li fa scalare di un giorno, spostando la gelida terna sino all'inizio del nuovo mese (30, 31 gennaio e 1° febbraio). Il Centro Geofisico Prealpino propende per la prima opzione.

La leggenda dei giorni della merla

Secondo la leggenda che ha dato il nome a questa terna di giorni, tanto tempo fa i merli non erano neri, ma bianchi. Una merla, per ingannare gennaio, che la maltrattava con pioggia e freddo, decise di nascondersi con tutta la sua famiglia, uscendo allo scoperto solo l'ultimo giorno del mese, che ai tempi durava ventotto giorni. Gennaio, furioso con il piccolo volatile, chiese in prestito a febbraio tre giorni per scatenare una tempesta di neve e gelo. Per ripararsi, la merla si rifugiò dentro un camino, sporcandosi irrimediabilmente le piume (trasformando così il suo manto, da bianco in nero). Secondo un'altra versione della leggenda, invece, alla fine del mese il merlo era solito sbeffeggiare gennaio con cinguettii sarcastici. Per questo motivo, il mese, arrabbiato con per l'insolenza del volatile, decise di raggelare tutto per tre giorni, chiedendone uno in prestito a febbraio. Per ripararsi dal gelo, la merla scelse dunque il camino, con esiti comuni a quelli della prima versione. Come spesso capita, comunque, la leggenda presenta variazioni fantasiose e diversi di regione in regione.

I giorni della merla: le statistiche meteorologiche

Secondo i dati raccolti dal Centro Geofisico Prealpino nel periodo 1967-2015, la temperatura media nei giorni della merla è di 3,6°, le massime si aggirano intorno ai 7,3°, mentre le minime si attestano sui -0,1°. Si deve tener presente che la temperatura media a gennaio è di 2,9°: quindi nei tre giorni della merla fa più caldo perché ci son 0,7° in più. Statisticamente i dati dimostrano che dopo il 10 gennaio la temperatura inizia a salire. Secondo le conclusioni del Centro Geofisico Prealpino, la leggenda potrebbe essere nata in un'epoca in cui gennaio era molto più freddo e, in assenza di strumenti di misurazione, la gente percepiva questo come il cuore dell'inverno, perché stremata da due mesi di freddo intenso. Oggi, numeri alla mano possiamo dimostrare che non è così.

Le previsioni per i giorni della merla

Quest'anno i giorni della merla sembrano iniziare un po' prima. Infatti da lunedì 28 gennaio è iniziata una settimana di maltempo, caratterizzata da un'ondata di gelo che raggiungerà il suo apice nelle giornate di mercoledì 30 gennaio e giovedì 31 gennaio. Ci saranno piogge, temporali e forti nevicate su tutta la penisola fino a giovedì, con una "pausa" di lieve calore prevista per martedì 29 gennaio (LE PREVISIONI).

Leggi tutto
Prossimo articolo
Segui Sky TG24 sui social:

SCELTI PER TE

    Aggiungi Sky TG24 al tuo Homescreen

    Clicca l'icona e seleziona

    "Aggiungi a Schermata Home"

    Aggiungi Sky TG24 al tuo Homescreen

    Clicca l'icona e seleziona

    "Aggiungi a Home"