Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video

Copenaghen, inaugurato il "Copenhill": il termovalorizzatore su cui si può sciare. VIDEO

3' di lettura

Oltre alla pista, alberi e pareti da arrampicata. Può bruciare fino a 400mila tonnellate di rifiuti limitando al minimo i fumi inquinanti, la capitale è sempre più vicina al progetto zero emissioni. Nell’attrazione green c’è anche un po’ di Italia. 

Da oggi a Copenaghen si può sciare anche senza le montagne. È possibile grazie a un progetto unico al mondo: un inceneritore che ha una pista da sci come tetto. L’impianto è quello di Amager Bakke, molto vicino al centro della capitale danese, ed è uno dei termovalorizzatori più green e all’avanguardia grazie al suo filtro per le emissioni.

“Un inceneritore non deve essere per forza una grossa e brutta scatola che blocca la vista o proietta la sua ombra sui vicini. Può diventare magari il parco più famoso della città” così Bjarke Ingels, archi-star che ha progettato la struttura, riassume ai giornalisti della Bbc l’idea semplice ma geniale.

L’avveniristica pista da sci

I 450 metri di pista si sviluppano sul tetto dell’inceneritore, concepito apposta con una forma diagonale e ritorta su sé stessa per ospitare l’attrazione. Nell’impianto c’è anche un po’ di Italia: la speciale erba che consente di sciare anche senza neve è opera della bergamasca Neveplast che è stata scelta dai danesi nel 2017. Tre le piste da sci sulle quali si potrà sciare tutto l’anno. Una nera, per sciatori esperti che parte dalla sommità del tetto del termovalorizzatore e scende per una lunghezza di circa 180 metri (45% di pendenza), una blu per sciatori principianti e una pista verde, intermedia, per tutti i livelli che porta fino alla base dell’impianto. Non c’è solo una pista da sci ma anche alberi, una parete di arrampicata e alcuni sentieri per fare trekking che si snodano nelle aree intorno.

(INAUGURATA LA METRO DI COPENAGHEN TARGATA ITALIA, CITTÁ VERSO ZERO EMISSIONI)

Il termovalorizzatore e l’obiettivo per il 2050

La portata dell’inceneritore è di 400mila tonnellate di rifiuti all’anno, una vera e propria sfida ecologica se si pensa che la struttura si trova a cinque chilometri da Radhuspladsen, la piazza principale della capitale. Il gigantesco edificio è costato 660 milioni di dollari bada anche all’estetica, a cominciare dai pannelli geometrici in alluminio e vetro che rivestono completamente le pareti esterne. Copenhill si inserisce nell’ambizioso progetto far diventare Copenaghen la prima città del mondo a zero emissioni di carbonio. Un obiettivo che dovrebbe essere raggiunto nel 2025. Per farlo, Copenaghen deve rimuovere 928.000 tonnellate di anidride carbonica dall’atmosfera. Grazie ad un modernissimo filtraggio mai utilizzato prima in Danimarca, il termovalorizzatore con due linee di combustione brucia in totale 70 tonnellate di rifiuti all’ora: in un anno, può trattare circa 400mila tonnellate di spazzatura, riducendo le emissioni del 99,5%. Persino un inceneritore, struttura spesso demonizzata, può diventare al tempo stesso un’attrazione per i cittadini e un modo per ripulire l’ambiente.

Leggi tutto
Prossimo articolo
Segui Sky TG24 sui social:

SCELTI PER TE

    Aggiungi Sky TG24 al tuo Homescreen

    Clicca l'icona e seleziona

    "Aggiungi a Schermata Home"

    Aggiungi Sky TG24 al tuo Homescreen

    Clicca l'icona e seleziona

    "Aggiungi a Home"