Tenerife, la spiaggia invasa dalla plastica. L’attivista: "Viene da piangere"

Ambiente

Un video diffuso su Facebook dall'associazione Océano Limpio ha denunciato una vasta distesa di residui plastici di ogni tipo portata a riva dalle onde. Il post è divenuto virale in Spagna e all'estero, mentre l'area è stata ripulita

L'organizzazione ecologista Océano Limpio Tenerife ha diffuso un video su Facebook con cui documenta l'ennesimo scempio dell'inquinamento da plastica che soffoca le spiagge di tutto il mondo. Al centro della denuncia questa volta c'è il litorale di Punta de Abona, sulla parte orientale dell'isola delle Canarie.

Paradiso inquinato

La spiaggia di Punta de Abona è tradizionalmente una delle mete degli appassionati di acque limpide. Il video girato dall'organizzazione Océano Limpio Tenerife ha rivelato però che la sabbia era completamente ricoperta da residui e microplastiche di ogni tipo. "Questi rifiuti - spiegano i ricercatori - vengono trascinati dalla corrente del Golfo". Ad accompagnare il video, pubblicato su Facebook ci sono le parole in diretta di un'attivista, che a un certo punto dice di aver voglia di piangere.  

Un problema globale

Successivamente a questa denuncia, l'organizzazione si è incaricata di ripulire la spiaggia dalla plastica, come è solita fare in diversi luoghi di Tenerife. Oltre a inquinare i litorali, i rifiuti plastici non correttamente stoccati e smaltiti mettono a rischio la vita della fauna marina. Come accaduto ad esempio a gennaio a un capodoglio spiaggiato a Porto Cervo, al cui interno sono stati rinvenuti 22 kg di plastica. La stessa associazione ecologista di Tenerife ha pubblicato di recente l'immagine di una tartaruga trovata morta, soffocata da un sacchetto di plastica.

Ambiente: I più letti