Burkina Faso, pronta la centrale fotovoltaica più grande d’Africa

L'impianto si estende su una superficie di 55 ettari a Zagtouli, una località a Sud-Ovest dalla capitale Ouagadougou (Getty Images, foto di repertorio)
3' di lettura

Il presidente Roch Marc Christian Kaboré insieme all’omologo francese, Emmanuel Macron, il 29 novembre, inaugurerà la struttura che può contare su 129.600 pannelli solari da 260 watt. L’obiettivo è contribuire a rispondere a una domanda sempre più alta di energia

A breve, in Burkina Faso, verrà attivata la più grande centrale fotovoltaica del continente africano. La struttura, che si trova a Zagtouli, una località a Sud-Ovest dalla capitale Ouagadougou, verrà inaugurata il prossimo 29 novembre dal presidente Roch Marc Christian Kaboré insieme a Emmanuel Macron, il suo omologo francese. Nella centrale hanno trovato posto, su una superficie di 55 ettari, 129.600 pannelli solari da 260 watt, che aiuteranno il Paese dell’Africa centro occidentale ad intraprendere il percorso dell’autonomia energetica, allentando la dipendenza dagli Stati vicini. 

Investimenti francesi e dell’Ue

"Per sei settimane l'impianto entrà in fase di test con una potenza di 14 megawatt – ha spiegato il capo del progetto, Stéphane Nosserau, - e poi in un secondo momento raggiungerà il picco di 33 megawatt  a dicembre". La centrale, oltre che dal governo del Burkina Faso, è stata finanziata anche dall'agenzia francese per la cooperazione allo sviluppo (Afd) con 22,5 milioni di euro, e dall’Unione Europea che ha partecipato con altri 25 milioni. Per dare testimonianza di questa collaborazione, alla cerimonia di inaugurazione parteciperà anche il presidente francese Macron che a partire dal 28 novembre intraprenderà un viaggio nel continente, toccando oltre al Burkina Faso, anche la Costa d'Avorio e il Ghana. L’obiettivo del viaggio presidenziale, ha fatto sapere l’Eliseo, è avviare una "partnership rinnovata" con l'Africa, basata su educazione, sviluppo dell'impresa e investimento.

Pensata per far fronte al bisogno crescente di energia

L'energia prodotta dalla centrale servirà per far fronte al fabbisogno che al momento, specie nei mesi più caldi, riesce a soddisfare solo il 20% della popolazione. L’obiettivo, secondo il governo, verrà agevolato anche dal costo nettamente inferiore, pari a circa un terzo dell'energia derivante dalle centrali tradizionali, che consentirà al Paese di ridurre le importazioni, provenienti principalmente da Costa D'Avorio e Ghana, del 30% entro il 2030. Lo scopo ultimo, però, è rendere autosufficiente il Burkina Faso il prima possibile, motivo per il quale, anche grazie al fatto che il Paese gode delle condizioni ottimali per sfruttare il fotovoltaico, Ouagadougou ha intenzione di investire ancora in questa forma di energia. Nei prossimi anni, infatti, è prevista l'estensione del sito di Zagtouli, per portare la produzione a 50 megawatt, e successivamente potrebbero essere aperti altre due centrali a Koudougou e Kaya. 

Leggi tutto
Prossimo articolo